Adottato in Aula il Piano dei trasporti 2025, previsioni importanti per la Romagna

Un piano nuovo per la mobilità del futuro, superando un’impostazione vecchia di oltre vent’anni. L’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ha adottato il Prit 2025, nuovo Piano Regionale Integrato dei Trasporti. Ora, dopo un periodo di osservazioni, il Piano tornerà in Giunta per le controdeduzioni, con l’obiettivo di un’approvazione definitiva entro l’autunno.

“Il Prit che abbiamo adottato – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini, presidente della Commissione Territorio, Ambiente e Mobilità dell’Assemblea legislativa – pone le basi per una nuova cultura della mobilità e pianifica il sistema dei trasporti da qui al 2025. Un documento importante e ambizioso con cui diamo una cornice, un senso e un’anima ad una serie di scelte che abbiamo fatto fin dall’inizio della legislatura, pianificando come immaginiamo la mobilità dei prossimi anni, tenendo insieme sostenibilità ambientale e competitività”.

Il documento è stato adottato dopo un lungo percorso: 11 sedute di Commissione, una udienza conoscitiva, sei forum tematici e quasi 17 ore di confronto.

Continua a leggere →
Condividilo:

Viaggio inaugurale per i nuovi treni regionali Pop e Rock

Un treno regionale nuovo ogni due o tre giorni in media, di qui alla fine dell’anno, sui binari dell’Emilia-Romagna. I primi due, un Pop (piano singolo) e un Rock (piano doppio) hanno compiuto oggi il loro viaggio inaugurale, uno da Rimini l’altro da Piacenza, incontrandosi alla stazione di Bologna.

“Entro l’inizio del 2020 l’intera flotta del trasporto regionale sarà rinnovata – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini, presidente della Commissione Mobilità dell’Assemblea legislativa – con l’arrivo di 86 nuovi treni, 39 Rock e 47 Pop. Il 40 per cento sarà in servizio entro la fine dell’estate e un altro 40 per cento entro dicembre. Si tratta di convogli non solo moderni, sicuri e accessibili, con spazi di ricarica per bici elettriche, ma dalle ottime doti di accelerazione, doppie rispetto agli altri regionali oggi in servizio, caratteristica questa essenziale per un treno locale”.

Continua a leggere →
Condividilo:

La Variante di Fosso Ghiaia nel Prit? C’è già. Depositato un emendamento per rafforzare la priorità della Variante di Mezzano

“La variante di Fosso Ghiaia nel Prit c’è già, c’è dal giorno dell’approvazione della delibera di Giunta del 3 dicembre 2018. Per la precisione a pagina 51. Al Prit 2025 abbiamo poi dedicato anche una partecipata udienza conoscitiva, convocata dalla sottoscritta in qualità di presidente della III commissione dell’Assemblea legislativa, che si è svolta il 31 gennaio scorso, a cui sono intervenuti rappresentanti delle istituzioni, dei comitati e delle associazioni del territorio ravennate” queste le dichiarazioni della consigliera regionale Manuela Rontini in merito alle notizie apparse in questi giorni sulla stampa locale.

Continua a leggere →
Condividilo:

Housing sociale, cinque milioni di euro per abitazioni a prezzo ragionevole

Dopo nove anni, in Emilia-Romagna tornano risorse regionali dedicate all’housing sociale. Si tratta di cinque milioni di euro per alloggi destinati a quelle persone che non rientrano nei criteri per ottenere una casa popolare e che, allo stesso tempo, non sono in grado di affrontare i prezzi del libero mercato.

I contributi saranno assegnati tramite bando: 30mila euro ad alloggio, elevabili a 40mila nel caso di alloggi realizzati in interventi di recupero o sostituzione edilizia, con ulteriori 5mila euro nel caso di programmi innovativi, come servizi comuni di co-housing.

Continua a leggere →
Condividilo:

Verso il Prit 2025: prosegue il confronto sul Piano dei trasporti

La mobilità del futuro in Emilia-Romagna passa dal confronto con chi, ogni giorno, si sposta per motivi di lavoro, studio o svago. La Regione deve tenere conto delle esigenze di tutti, dagli automobilisti ai pendolari dei treni, da chi va a scuola in autobus fino a chi si muove sulle due ruote per diletto. La visione degli Amministratori sulla mobilità, arricchita dai contributi di tutti gli attori in campo, farà nascere il Piano regionale integrato dei trasporti, il Prit 2025.

Ad oggi c’è una proposta della Giunta, presentata sul territorio negli ultimi due anni e oggetto di una recente udienza conoscitiva nella III commissione dell’Assemblea legislativa: “Questo Piano vuole rendere più agevoli, ma soprattutto sostenibili, gli spostamenti dei cittadini emiliani e romagnoli – spiega la consigliera regionale Manuela Rontini, presidente della commissione Territorio, Ambiente e Mobilità – per questo, così come è accaduto con altri provvedimenti importanti come la legge urbanistica, tutti dovranno avere la possibilità di intervenire nel merito con osservazioni, sollecitazioni e proposte. Il Prit è il principale strumento di pianificazione dei trasporti della Regione Emilia-Romagna, un piano di programmazione, non di investimenti diretti, che saranno oggetto di provvedimenti successivi. Un Piano che disegna le direttrici principali degli spostamenti regionali, e le connessioni tra i diversi mezzi di trasporto, che nei prossimi mesi sarà adottato dall’Assemblea legislativa. Dopo di che, si aprirà un ulteriore periodo di osservazioni pubbliche prima del suo ritorno in Aula per l’approvazione definitiva”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Trasporto pubblico in montagna, una risoluzione per abbatterne i costi

Istituire un fondo per il Trasporto pubblico locale in montagna per aiutare i Comuni a coprire il costo, altrimenti troppo alto, del servizio e ridurre le tariffe per gli studenti delle scuole superiori, giocoforza costretti a lunghi tragitti.

È il senso della risoluzione approvata nei giorni scorsi in commissione ‘Territorio Ambiente Mobilità’ dell’Assemblea legislativa: “Sarebbe un provvedimento importante per non penalizzare ulteriormente i residenti dei comuni montani – commenta la presidente della commissione Manuela Rontini, firmataria della proposta – a partire dagli studenti delle superiori che devono recarsi nei centri maggiori, a valle, come succede ai ragazzi che abitano a Casola Valsenio, Riolo Terme o Brisighella e vanno a scuola a Faenza”. Continua a leggere →

Condividilo:

Sprint finale per la legge sulla mobilità ciclistica

È ormai in vista il traguardo di approvazione della prima legge regionale sulla Mobilità ciclistica, una pietra miliare per una Regione che vuole muoversi in modo veloce, efficiente e sostenibile.

Il provvedimento è stato discusso giovedì 12 gennaio nella commissione Territorio, Ambiente e Mobilità dell’Assemblea legislativa, presieduta da Manuela Rontini, alla presenza dell’assessore alla mobilità Raffaele Donini, che ha spiegato come la proposta di legge sia frutto di un lungo percorso condiviso con organizzazioni ambientaliste, federazioni ciclistiche, enti locali.

“Per favorire una mobilità sostenibile questa legge finanzierà non solo piste ciclabili, ma velostazioni, lunghe ciclovie e delle politiche di contrasto ai furti – ha commentato la consigliera Manuela Rontini –. L’obiettivo, ambizioso, è quello di raggiungere entro dieci anni il 20 per cento di spostamenti quotidiani in bici, contro il 10 per cento odierno, rendendo le due ruote a pedale una valida alternativa all’automobile. Un traguardo raggiungibile, se si pensa che, oggi, il 70 per cento degli spostamenti di emiliani e romagnoli è inferiore ai 10 chilometri”. Continua a leggere →

Condividilo:

Verso la mobilità del 2025

Rendere più agevoli, ma soprattutto sostenibili, gli spostamenti dei cittadini emiliani e romagnoli. E’ quanto si propone il Prit 2025, il Piano regionale integrato dei trasporti, che ha iniziato martedì scorso il suo percorso in Assemblea legislativa, con la presentazione in aula del documento preliminare da parte dell’assessore regionale Raffaele Donini.

“Del tema continueremo ad occuparci nella III Commissione assembleare, che presiedo – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – anche in relazione alla nuova legge urbanistica regionale. Per il momento l’Aula si è espressa sul documento con l’approvazione di un ordine del giorno, di cui sono firmataria, dove tra le altre cose si chiede alla Giunta regionale di potenziare il trasporto sostenibile, programmare azioni per migliorare la sicurezza stradale, prevedere l’integrazione tra i diversi livelli di pianificazione, completare il quadro infrastrutturale esistente e sostenere il trasporto pubblico locale”. Continua a leggere →

Condividilo:

Un impegno per la Terra: la Regione rilancia i frutti di Expo

Carta di Milano. “Difesa del suolo e dell’ambiente, sostegno all’agricoltura e ai prodotti locali per un accesso al cibo più equo e consapevole”.

Ho firmato la Carta di MilanoLa III Commissione dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ha approvato, nella seduta di oggi, una risoluzione che impegna la Regione a fare propri gli impegni della Carta di Milano. Presentata durante l’Expo 2015 e sottoscritta da centinaia di cittadini, associazioni, imprese ed istituzioni ed è dedicata all’accesso al cibo inteso come diritto umano fondamentale.

“Dopo il grande slancio che Expo ha dato alla cultura del cibo e della sostenibilità, pensiamo sia fondamentale promuovere azioni che coniughino sostenibilità, cibo ed equo utilizzo delle risorse – spiegano le consigliere regionali Pd Lia Montalti, prima firmataria della risoluzione, e Manuela Rontini, Presidente della Commissione Territorio Ambiente, che aggiungono – Questo vale anche per il nostro territorio, dove è fondamentale adottare norme che consentano di evitare gli sprechi alimentari anche con misure di recupero del cibo in eccesso e rafforzare le leggi per la tutela del suolo agricolo e la sostenibilità ambientale”. Continua a leggere →

Condividilo:

I pendolari della Faenza-Lugo-Lavezzola meritano un servizio degno di questo nome

Alba in pianura

Ci sono linee di trasporto ‘minori’ solo sulla carta, non certo per i cittadini costretti a servirsene ogni giorno. È il caso della Faenza-Lugo-Lavezzola, una piccola ferrovia statale che vede circolare, nei suoi 40 chilometri, appena 4 treni nei giorni feriali lungo l’intero percorso. Il resto del servizio è affidato a 13 corse di autobus sostitutivi, con gli inevitabili disagi che questo mezzo comporta: nessuna corsia preferenziale, traffico, code ai semafori, tempi di percorrenza oltremodo dilatati.

E dire che la linea costituisce un importante raccordo tra Faenza (sull’Adriatica e Faentina), Lugo (snodo ferroviario tra Ravenna, Castel Bolognese e Faenza) e Lavezzola (sulla Rimini-Ferrara), servendo comuni di 10mila abitanti come Massa Lombarda e Conselice. Le possibilità di uno sviluppo del servizio ci sarebbero tutte, eppure la linea viene lasciata vivacchiare. Continua a leggere →

Condividilo: