Trasporto pubblico in montagna, una risoluzione per abbatterne i costi

Istituire un fondo per il Trasporto pubblico locale in montagna per aiutare i Comuni a coprire il costo, altrimenti troppo alto, del servizio e ridurre le tariffe per gli studenti delle scuole superiori, giocoforza costretti a lunghi tragitti.

È il senso della risoluzione approvata nei giorni scorsi in commissione ‘Territorio Ambiente Mobilità’ dell’Assemblea legislativa: “Sarebbe un provvedimento importante per non penalizzare ulteriormente i residenti dei comuni montani – commenta la presidente della commissione Manuela Rontini, firmataria della proposta – a partire dagli studenti delle superiori che devono recarsi nei centri maggiori, a valle, come succede ai ragazzi che abitano a Casola Valsenio, Riolo Terme o Brisighella e vanno a scuola a Faenza”. Continua a leggere →

Condividilo:

Da settembre gli abbonati al treno viaggiano gratis in autobus

Stimato un risparmio medio di oltre 150 euro l’anno per 58 mila pendolari, lavoratori, studenti emiliani e romagnoli

Il primo treno RockUn trasporto pubblico accessibile e conveniente. Questa l’idea dell’Emilia-Romagna che, in attesa del rinnovo totale del materiale rotabile (2019), mette in opera un nuovo tassello per semplificare la vita a chi rinuncia ai mezzi privati: dal primo settembre l’abbonamento ferroviario permetterà di viaggiare, senza ulteriori costi, su tutti gli autobus delle città di origine e destinazione del titolo di viaggio.

L’opportunità, resa possibile da un investimento regionale di 6 milioni di euro l’anno, è valida nelle 13 città emiliane e romagnole con più di 50mila abitanti (i 10 capoluoghi provinciali più Carpi, Faenza e Imola). Per 58mila pendolari, lavoratori e studenti, comporterà un risparmio compreso tra i 110 e i 180 euro l’anno. Continua a leggere →

Condividilo:

Una carta elettronica per i pendolari emiliani e romagnoli

Oggi è un comodo borsellino elettronico, una carta contactless in grado di gestire diversi abbonamenti al trasporto pubblico, su ferro e gomma. Un domani si arricchirà di nuovi servizi utili mentre da settembre, grazie all’impegno della Regione Emilia-Romagna, si trasformerà in un asso pigliatutto, con l’obiettivo di spostare fior di pendolari dalle auto ai mezzi pubblici.

Si tratta di “Unica Emilia-Romagna”, nuova carta presentata questa mattina a Bologna nella sede di Rete ferroviaria italiana, alla presenza dell’amministratore delegato di Trenitalia Orazio Iacono, dell’assessore regionale ai Trasporti Raffaele Donini, della presidente di Tper Giuseppina Gualtieri, oltre ai rappresentanti delle aziende di trasporto locali.

Su di “Unica Emilia-Romagna”, in distribuzione da oggi in 13 biglietterie regionali, sarà possibile caricare da subito il proprio abbonamento Trenitalia e i titoli integrati Mi Muovo. In futuro vi si potranno caricare anche biglietti di corsa semplice, avendo pure accesso a servizi di auto o bici condivise, oltre ad abbonamenti di altri gestori (come Atm Milano, per i pendolari che gravitano sul capoluogo lombardo). Continua a leggere →

Condividilo:

Patto per il trasporto pubblico: due miliardi di investimenti

Firmato un accordo tra Regione, enti locali, gestori e utenti per il nuovo Tpl regionale

Un trasporto pubblico a misura di cittadino, più accessibile, economico, comodo. È l’obiettivo che si sono dati gli enti locali emiliani e romagnoli, la Regione, le società di gestione del Tpl firmando oggi a Bologna, alla presenza del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio, il “Patto per il trasporto pubblico regionale e locale per il triennio 2018-2020”.

Si tratta di una riforma condivisa e complessiva che prevede impegni e investimenti a carico di ogni firmatario, per arrivare a ridisegnare sia il settore ferroviario che quello dei bus urbani. Una realtà, quella del trasporto pubblico locale, che interessa oltre un milione di passeggeri al giorno (850mila su gomma e 150mila su ferro) e 7.230 lavoratori in aziende che, insieme, hanno un fatturato annuo di 650 milioni euro. Continua a leggere →

Condividilo:

Avanzo Tper, approfondire prima di distribuire

Interrogazione alla Giunta per capire se sia il caso di destinare gli avanzi di bilancio agli investimenti, piuttosto che ricorrere alle obbligazioni

L’azienda di trasporto pubblico Tper è in utile, per 15 milioni di euro. Una buona notizia, che però fa sorgere un dubbio: non sarebbe più logico destinare questo avanzo agli investimenti piuttosto che distribuirlo ai soci?

Lo chiedono in un’interrogazione alla Giunta regionale alcuni consiglieri Pd (primo firmatario Giuseppe Paruolo), intenzionati prima di tutto a capire dove si sono generati questi proventi, su quali servizi e in quali aree geografiche di operatività.

“Vogliono anche sapere per quale ragione si è deciso di distribuire gli utili agli azionisti – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini, tra i firmatari dell’atto – e non, per esempio, destinarli a investimenti, visto che si ipotizza il ricorso al mercato obbligazionario per reperire nuove risorse”. Continua a leggere →

Condividilo:

Linea Faenza-Lavezzola: non servono nuovi abbonamenti

Sono cambiate, e in meglio, le modalità del servizio sulla linea Faenza-Lavezzola, ma una comunicazione carente ha causato qualche difficoltà agli studenti e ai pendolari che ogni giorno viaggiano su quel percorso, in treno o in autobus.

Tanto che, al ritorno dalle vacanze natalizie, gli utenti hanno trovato alcune fermate di bus spostate, mentre il passaggio di gestione dei bus integrativi (da Trenitalia al consorzio Mete) ha aggiunto ulteriori dubbi sul fronte dei biglietti e degli abbonamenti.

Per vederci chiaro, i consiglieri regionali Mirco Bagnari (primo firmatario) e Manuela Rontini hanno presentato alla Giunta una interrogazione a risposta immediata: “Non è la prima volta che ci troviamo ad intervenire su questo problema – precisa Manuela Rontini, presidente della commissione Mobilità dell’Assemblea legislativa – tanto che l’atto depositato è stato preceduto da un’altra interrogazione e dall’audizione in Commissione, da me richiesta, dell’Assessore Donini”. Continua a leggere →

Condividilo:

Tratta Faenza-Lugo-Lavezzola: trasporto più efficiente già da inizio anno scolastico

Il treno e il casolare...Le difficoltà di chi deve spostarsi con mezzi pubblici lungo il tragitto Faenza-Lugo-Lavezzola sono note da tempo e colpiscono in particolare gli studenti: affollamento, servizi di trasporto gestiti da soggetti diversi, che in alcuni momenti della giornata si sovrappongono e in altri sono completamente assenti, nessuna integrazione rispetto alle tariffe.

“Avevo portato la questione in Regione presentando un’interrogazione alla Giunta – spiega Manuela Rontini, Presidente delle commissione Territorio ambiente e mobilità dell’Assemblea Legislativa – raccogliendo le sollecitazione di alcune centinaia di studenti che avevano firmato una petizione ai sindaci del territorio. Qualche giorno fa l’assessore regionale ai Trasporti e mobilità Raffaele Donini ha aggiornato sul tema la Commissione competente, come da me richiesto. E le notizie sono buone: già dall’inizio di questo anno scolastico, infatti, il servizio sarà migliorato. La Regione ha convocato Trenitalia, che fino a luglio garantiva quattro corse ferroviarie e 12 corse bus sostitutive al giorno, Ambra e il Consorzio Mete per procedere alla riorganizzazione dei servizi alla cittadinanza”. Continua a leggere →

Condividilo:

Un biglietto unico per la Romagna

Oltre 80 i comuni serviti dal nuovo pass

Spostarsi in Romagna senza pensieri, senza confini, senza l’assillo di dover cambiare il biglietto. La società di trasporto pubblico Start Romagna ha lanciato un nuovo titolo di viaggio, utilizzabile in tutti i mezzi di linea dell’operatore per qualsiasi destinazione servita nelle province di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini.

Un ulteriore passo verso quell’Area vasta dei trasporti già impostata nel 2012 con la nascita di Start Romagna, società che ha preso il posto dei precedenti gestori su scala provinciale (Avm Forlì-Cesena, Atm Ravenna e TramServizi Rimini). Continua a leggere →

Condividilo:

In bici sul bus come sul treno

La bicicletta può diventare il prolungamento naturale della rete di trasporto pubblico. Che si tratti di treni (come già avviene) o di autobus. A spingere sull’acceleratore, o meglio sul pedale, dell’integrazione bici-Tpl è la consigliera regionale Manuela Rontini, autrice di un’interrogazione alla Giunta sul tema: “Ci sono ampi margini per migliorare il servizio di integrazione bici-treno e, di più, per estenderlo al trasporto pubblico su gomma, per una vera intermodalità di trasporto. Per questo ho chiesto alla Giunta se condivide questo tipo di integrazione e come intende procedere in merito”.

L’importanza della mobilità sostenibile è già riconosciuta dalla Regione, tanto all’interno delle politiche per il miglioramento della qualità dell’aria quanto in quelle per la promozione di stili di vita sani. Usare il Tpl e le biciclette, infatti, può portare a benefici tangibili sia per il contenimento di polveri sottili e gas serra che per la salute e il benessere psicofisico delle persone. Continua a leggere →

Condividilo: