Ecobonus in fattura, risoluzione in Regione non trasformare gli artigiani in Bancomat

Le norme del Governo potrebbero penalizzare 5200 imprese nel ravennate

Quella che, a un occhio disattento, potrebbe sembrare una semplificazione, rappresenta in realtà una iattura per le imprese e l’economia, con gli artigiani trasformati in un “bancomat per conto dello Stato”. Si tratta del cosiddetto “ecobonus in fattura”, la possibilità cioè per il cittadino di ricevere subito il bonus per gli interventi di efficienza energetica e contro il rischio sismico come sconto, in fase di pagamento, anziché dallo Stato in dieci anni.

“Una possibilità questa, introdotta dal Governo all’interno del Decreto crescita, che trasformerà di fatto gli artigiani in bancomat, facendo anticipare loro soldi che lo Stato dovrebbe dare al cittadino. E che metterà inevitabilmente in crisi le piccole e medie imprese artigiane” commenta la consigliera regionale Manuela Rontini, firmataria di una risoluzione in merito depositata all’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna.

Continua a leggere →
Condividilo:

Rigenerazione urbana, 1,7 milioni di euro per Fusignano e Bagnacavallo

Nuovi fondi nel ravennate grazie allo scorrimento delle graduatorie del bando per gli interventi di rigenerazione urbana. Al Comune di Fusignano arriverà un milione di euro dal Fondo Sviluppo e Coesione, mentre 700mila euro andranno al Comune di Bagnacavallo.

“La Regione Emilia-Romagna, attraverso queste risorse, promuove la riqualificazione delle città, dei centri storici e dei quartieri, contrastando il degrado edilizio, urbanistico e sociale – spiega la consigliera regionale Manuela Rontini –. Si tratta di un finanziamento realizzato grazie alla Legge 24/2017, che disciplina la tutela e l’uso del territorio. Con la nuova legge urbanistica ci siamo infatti posti l’obiettivo del saldo zero nel consumo di suolo: questi progetti migliorano la qualità urbana e garantiscono maggior sicurezza sociale nei centri abitati”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Housing sociale, cinque milioni di euro per abitazioni a prezzo ragionevole

Dopo nove anni, in Emilia-Romagna tornano risorse regionali dedicate all’housing sociale. Si tratta di cinque milioni di euro per alloggi destinati a quelle persone che non rientrano nei criteri per ottenere una casa popolare e che, allo stesso tempo, non sono in grado di affrontare i prezzi del libero mercato.

I contributi saranno assegnati tramite bando: 30mila euro ad alloggio, elevabili a 40mila nel caso di alloggi realizzati in interventi di recupero o sostituzione edilizia, con ulteriori 5mila euro nel caso di programmi innovativi, come servizi comuni di co-housing.

Continua a leggere →
Condividilo:

Nuovi investimenti in edilizia scolastica: 14 progetti finanziati nel ravennate

Il territorio provinciale vedrà lavori per oltre 10,8 milioni di euro

L’investimento della Regione Emilia-Romagna in edilizia scolastica (nuove scuole, palestre e ristrutturazione di edifici esistenti) è imponente. L’ultimo stanziamento, comprensivo del cofinanziamento degli enti locali, è pari a 135 milioni di euro.

Di questi, 10,8 milioni sono destinati agli istituti della provincia di Ravenna: “Scuole più belle e sicure. Questo è l’obiettivo che l’Emilia-Romagna intende centrare con continui investimenti per migliorare la qualità degli istituti del territorio – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini –. Una risposta alle famiglie, agli studenti e alle comunità, mettendo l’accento sul diritto allo studio e la sicurezza”. Continua a leggere →

Condividilo:

Riqualificazione energetica, dalla Regione 760mila euro per il ravennate 

Ridurre sprechi e consumi, anche nei vecchi edifici, per risparmiare denaro e guadagnare in aria pulita. Sono stati resi noti in questi giorni i progetti vincitori del bando regionale da 9,6 milioni di euro, riservato alla riqualificazione degli edifici pubblici (di proprietà degli enti locali o delle società partecipate).

In provincia di Ravenna sono state accolte 10 delle 11 domande presentate, con un contributo pubblico pari a 758.864 euro (fondi europei Por Fesr 2014-2020). A beneficiarne saranno in larga parte scuole, case popolari e residenze per anziani, dove si interverrà per ridurre i gas serra, valorizzare le fonti rinnovabili e per ridurre le dispersioni.

“Queste risorse europee stimoleranno interventi per quasi 2,9 milioni di euro nel territorio ravennate – annuncia la consigliera regionale Manuela Rontini – con benefici concreti per l’ambiente, l’efficienza energetica degli edifici e l’occupazione locale. Due interventi sono in programma a Ravenna, due a Castel Bolognese, due a Solarolo, altri a Faenza, Lugo, Conselice e Cervia”. Continua a leggere →

Condividilo:

Sbloccare i fondi antisismici per gli edifici scolastici

Per il faentino ci sono ancora 1,41 milioni di euro di contributi congelati

Sulla messa in sicurezza delle scuole non c’è tempo da perdere. Lo scorso anno il Ministero dell’Istruzione stanziò risorse ingenti per la messa in sicurezza e l’adeguamento sismico degli edifici scolastici (oltre 94 i milioni, a supporto di 234 edifici, nella sola Emilia-Romagna). Interventi già pianificati nei minimi dettagli, che sarebbero dovuti partire in estate, a scuole chiuse. Eppure, questi fondi sono ancora bloccati.

Inizialmente, la legge istitutiva del Fondo per la sicurezza delle scuole era stata impugnata davanti alla Corte Costituzionale dalla Regione Veneto (in merito alla disciplina dei finanziamenti gestiti unilateralmente dallo Stato su materie rientranti nelle competenze regionali), ma la Suprema Corte, nell’accogliere l’istanza, specificò bene come gli interventi antisismici nelle scuole fossero svincolati da tale dinamica.

Per questo la consigliera regionale Manuela Rontini ha depositato una risoluzione con cui si chiede al Governo lo sblocco urgente dei fondi per gli interventi antisismici degli edifici scolastici, a favore della sicurezza degli studenti. Continua a leggere →

Condividilo:

Alloggi Erp più accessibili: arrivano ascensori e montascale

Quartiere INA CaseGli alloggi di Edilizia residenziale pubblica (Erp) spesso sono vecchi di diversi lustri e perciò, in molti casi, sprovvisti di ascensore. Ma sono abitati in gran parte da persone anziane, a ridotta capacità motoria. Per risolvere questo problema l’Emilia-Romagna ha stanziato un fondo di due milioni per il 2018, e altrettanti per l’anno seguente, destinati ai Comuni proprietari degli stabili per installarvi montascale o ascensori.

“È la prima volta che la Regione adotta un provvedimento simile – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – un aiuto all’autonomia e alla vita sociale delle persone, in primo luogo anziani e disabili. I costi, che saranno coperti all’80 per cento, riguarderanno anche l’abbattimento degli ostacoli presenti in appartamenti o spazi comuni dei palazzi, come dislivelli con gradini o rampe troppo ripide, corridoi e servizi troppo stretti, pavimentazioni scivolose”. Continua a leggere →

Condividilo:

Un po’ alberghi, un po’ case: arrivano i Condhotel

Il turismo cambia e con esso il concetto di albergo. Per andare incontro alle esigenze di turisti e albergatori, la Regione varerà entro l’estate il regolamento attuativo sui “Condhotel”, tipologia ricettiva già presente in molti Paesi europei.

Gli albergatori potranno vendere ai privati parte delle camere dell’hotel ottenendo risorse fresche da reinvestire per accrescere qualità e ricettività. Una leva finanziaria a disposizione delle imprese alberghiere per riqualificare le proprie strutture, allineandole sempre di più agli standard internazionali. Continua a leggere →

Condividilo:

Prima casa: 15 milioni di euro per acquisti e ristrutturazioni

Il sogno di una casa di proprietà, per i giovani che non riescono a trovare un appartamento adeguato alle proprie condizioni economiche, in molti casi potrà diventare realtà grazie a contributi regionali per 15 milioni di euro.

Il bando, giunto all’undicesima edizione, prevede fino a 25mila euro di contributi per l’acquisto, aumentati a 35mila euro nel caso in cui l’immobile venga ristrutturato.

“Il contributo maggiorato in caso di ristrutturazione, con miglioramento della qualità architettonica, dell’efficienza sismica ed energetica – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini, presidente della commissione Territorio, Ambiente e Mobilità dell’Assemblea legislativa – rappresenta una novità importante rispetto agli anni passati, ma del tutto in linea con i criteri della legge sull’urbanistica, volta proprio alla rigenerazione urbana tramite il recupero dell’esistente. Un aiuto doppio, dunque, ai giovani intenzionati a guadagnare autonomia nell’alloggio e all’intero comparto dell’edilizia, grazie a uno stanziamento di risorse maggiore rispetto agli anni passati”. Continua a leggere →

Condividilo:

Rigenerazione urbana: bando da 36,5 milioni di euro

Primi frutti della nuova legge urbanistica

Riqualificazione degli spazi urbani, riuso del patrimonio edilizio esistente e consumo zero di suolo per città più belle, verdi e vivibili. Con 36 milioni e mezzo di euro la Regione vara un bando per finanziare progetti di riqualificazione e rigenerazione promossi dalle amministrazioni pubbliche locali per migliorare la qualità urbana dei centri abitati. È il primo atto concreto della nuova legge urbanistica regionale, approvata a fine 2017 dall’Assemblea legislativa.

Il provvedimento esclude opere spot, limitate e svincolate dal contesto socio-ambientale. Premierà infatti i Comuni capaci di una progettazione urbanistica a 360 gradi, che dovranno presentare una strategia complessiva di rigenerazione urbana capace di mettere insieme soluzioni edilizie innovative, spazi verdi e per la collettività, cessazione di situazioni di degrado o sfregio ambientale. Quegli Enti, cioè, che nella pianificazione urbanistica si impegnino a privilegiare gli interventi di riqualificazione e riuso del patrimonio edilizio e infrastrutturale esistente, abbandonando la vecchia logica dell’espansione urbana senza limiti a discapito delle esigenze di riuso, conservazione e salvaguardia del territorio e del verde extraurbano. Ogni progetto potrà avere un sostegno fino a 1,5 milioni di euro, con un co-finanziamento analogo. Secondo le stime, il bando porterà dunque a interventi sul territorio per un valore di 50-60 milioni di euro. Continua a leggere →

Condividilo: