Ecobonus in fattura, risoluzione in Regione non trasformare gli artigiani in Bancomat

Le norme del Governo potrebbero penalizzare 5200 imprese nel ravennate

Quella che, a un occhio disattento, potrebbe sembrare una semplificazione, rappresenta in realtà una iattura per le imprese e l’economia, con gli artigiani trasformati in un “bancomat per conto dello Stato”. Si tratta del cosiddetto “ecobonus in fattura”, la possibilità cioè per il cittadino di ricevere subito il bonus per gli interventi di efficienza energetica e contro il rischio sismico come sconto, in fase di pagamento, anziché dallo Stato in dieci anni.

“Una possibilità questa, introdotta dal Governo all’interno del Decreto crescita, che trasformerà di fatto gli artigiani in bancomat, facendo anticipare loro soldi che lo Stato dovrebbe dare al cittadino. E che metterà inevitabilmente in crisi le piccole e medie imprese artigiane” commenta la consigliera regionale Manuela Rontini, firmataria di una risoluzione in merito depositata all’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna.

Continua a leggere →
Condividilo:

Sostegni regionali alle imprese, tra tradizione e innovazione

Due bandi, da due milioni di euro l’uno, per sostenere le piccole e medie imprese emiliane e romagnole.

Uno destinato all’innovazione delle Pmi, per quelle società che vogliono investire in tecnologia e innovazione, ripensando processi e prodotti.

L’altro, rivolto alle botteghe storiche e alle imprese appartenenti all’elenco regionale dell’artigianato artistico e tradizionale, per valorizzare produzioni dall’importante retaggio e in molti casi di valenza anche turistica.

I bandi sono stati pubblicati nei giorni scorsi dalla Regione Emilia-Romagna, con scadenza il 18 dicembre il primo e il 29 novembre il secondo.

“Un sostegno tra passato e futuro che conferma la vicinanza al mondo delle piccole e medie realtà imprenditoriali” commenta la consigliera regionale Manuela Rontini.

Continua a leggere →
Condividilo:

Microcredito d’emergenza: proposta di legge regionale per avviarlo già nell’anno in corso

Un prestito veloce, per far fronte a situazioni d’emergenza, rivolto a chi di prestiti non può chiederne. Si tratta del microcredito, un finanziamento di modesta entità pensato inizialmente per i paesi del terzo mondo e diffusosi negli anni anche in Occidente, dove ha lenito gli effetti della crisi economica sulle fasce più deboli della popolazione.

“Ci sono persone che, per la loro vulnerabilità sociale ed economica, sono escluse di norma dai canali commerciali del credito – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – pensiamo ai disoccupati o a chi non è autosufficiente. Il microcredito d’emergenza garantisce loro l’acquisto di beni primari, con prestiti fino a 10mila euro da restituire al massimo in cinque anni. Un modello che funziona e che, come Regione, vogliamo sostenere con una legge che stanzia risorse ad hoc”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Lavoratori senza stipendio e ammortizzatori sociali? Interviene la Regione

Ci sono lavoratori che, a causa della crisi della propria azienda, si ritrovano senza stipendio e in attesa dell’attivazione degli ammortizzatori sociali. Per garantire loro un sostegno immediato, la Regione Emilia-Romagna ha deliberato un primo stanziamento di 150mila euro.

“Questo provvedimento sosterrà quei lavoratori che si trovano a patire gli effetti di crisi drammatiche, sospesi nel limbo tra occupazione e disoccupazione, come quelli della Mercatone Uno, per fare un esempio tanto doloroso quanto recente – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini –. Si tratta di misure transitorie, pensate per fronteggiare nell’immediato delle crisi di cui, comunque, deve essere il Governo a farsi carico, attivando le misure che gli competono come la Cassa integrazione o lo sblocco del Tfr”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Agevolazioni per le zone montane: tre anni di credito di imposta dalla Regione

Nel ravennate sono 70 le imprese interessate, tutte nel Comune di Casola Valsenio

Tre anni di credito d’imposta per le imprese di montagna, una boccata d’ossigeno per chi si trova a lavorare in un contesto non facile eppure cruciale per la coesione delle comunità locali.

Lo prevede il testo di un progetto di legge della Giunta regionale che sarà presto in discussione nell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna.

“Non è il primo provvedimento della Regione in favore della montagna e certamente non sarà l’ultimo – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – basti pensare alla legge regionale apposita che, da 15 anni, sostiene lo sviluppo produttivo turistico e culturale nelle nostre zone montane. Questa nuova proposta integra la strategia regionale per la montagna, un territorio da mantenere vivo e attrattivo nell’interesse di tutti, anche della maggioranza dei cittadini che vivono altrove. L’idea alla base è quella di garantire agevolazioni economiche per un triennio, dall’anno in corso fino al 2021, stanziando in tutto 36 milioni di euro sotto forma di credito di imposta a chi opera in un Comune totalmente montano. Secondo le stime dei nostri uffici, questa nuova agevolazione potrà interessare 70 imprese nel Comune di Casola Valsenio”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Quattro bandi per una pesca sostenibile e innovativa

Quattro bandi, con tre milioni di euro di risorse, per aiutare una pesca sostenibile sotto il profilo ambientale, attenta a promuovere l’innovazione e il miglioramento degli standard di sicurezza e salute sul lavoro.

Li ha varati la Regione Emilia-Romagna nell’ambito del Feamp, il Fondo europeo per gli affari marittimi e della pesca. I fondi stanziati (metà da programmazione sull’utilizzo dei fondi comunitari, il 15 per cento dal bilancio della Regione e il 35 per cento da risorse nazionali) permetteranno la conversione dei motori ai biocarburanti, l’adozione di sistemi di refrigerazione e congelamento a basso consumo energetico, l’acquisto di tecnologie per comunicazioni via radio e satellite, l’installazione di dispositivi e attrezzature che migliorano la selettività degli attrezzi (con riguardo alla taglia e alla specie raccolta), e molto altro. Continua a leggere →

Condividilo:

Sostegno alle piccole e medie imprese: nuova opportunità dalla Regione

Otto milioni di euro di contributi si aggiungono ai 16 milioni già stanziati

Le piccole e medie imprese emiliane e romagnole hanno una nuova possibilità di partecipazione al bando regionale per l’acquisto di macchinari o attrezzature ad alto contenuto tecnologico, in grado di favorire l’innovazione di prodotti o servizi.

Si tratta di contributi a fondo perduto sul 20 per cento della spesa ammissibile, aumentati di un ulteriore 10 per cento nelle aree montane, oltre ad un ulteriore 5 per cento in caso di incremento occupazionale, imprese femminili o giovanili, imprese con rating di legalità.

L’importo massimo del contributo, che arriva dal bando Por Fesr 2014-2020, è pari a 150mila euro e le imprese potranno fare domanda fino al 28 febbraio 2019 esclusivamente su web, tramite l’applicativo Sfinge 2020. Continua a leggere →

Condividilo:

Nuovi fondi a sostegno delle Startup innovative

Per l’avvio, l’insediamento o lo sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali, in grado di promuovere la diversificazione del sistema produttivo nel settore tecnologico, o comunque ad alta innovazione, l’Emilia-Romagna ha messo a disposizione 2,3 milioni di euro di risorse nel triennio 2018-2020.

“Non viene meno il sostegno della Regione – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – alla promozione e crescita di start-up che siano in grado di aprire nuove nicchie di mercato, attraverso prodotti, servizi e sistemi di produzione ad elevato contenuto innovativo. Imprese che dovranno cogliere le ultime tendenze dei mercati, generando nuove opportunità occupazionali”.

Continua a leggere →

Condividilo:

Finanziamenti per una pesca di qualità, innovativa e aperta ai giovani

Tre bandi, con contributi dal 25 al 50 per cento dei costi, per 4,3 milioni di euro

Nuove imprese ittiche guidate da giovani, più qualità e innovazione nel settore pesca e acquacoltura. È quanto vogliono ottenere tre nuovi bandi della Regione Emilia-Romagna, forti di una dotazione di 4,3 milioni di euro (nel quadro del Feamp 2014-2020, il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, con 2,15 milioni di risorse europee, 1,5 milioni statali e 645mila euro regionali).

La quota più consistente dei fondi (quasi 3,5 milioni di euro) è destinata agli interventi per il rafforzamento e miglioramento della trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura, mentre 650mila euro circa serviranno al potenziamento delle infrastrutture dei porti, delle sale per la vendita all’asta del pescato e delle strutture per la raccolta di scarti e rifiuti marini per ridurre l’impatto ambientale. Poco meno di 165mila euro, infine, andranno a incentivare l’acquisto di imbarcazioni da pesca da parte degli under 40 per mettersi in proprio. Continua a leggere →

Condividilo:

Innovazione tecnologica e diversificazione, dalla Regione un sostegno alle Pmi

L’innovazione è il sale delle piccole e medie imprese e la Regione è pronta a sostenerla con contributi compresi tra 10mila e 80mila euro ad azienda.

Il mezzo è il bando per i servizi innovativi per le Pmi (nell’ambito del Por-Fesr 2014-2020) che si rivolge alle piccole e medie imprese impegnate in percorsi di innovazione tecnologica, o diversificazione dei propri prodotti e servizi, mirati ad accrescere la propria quota di mercato o a penetrare in nuovi mercati.

“Il sostegno all’innovazione tecnologica è solo una delle tante azioni messe in campo dalla Regione Emilia-Romagna, provvedimenti che stanno facendo di questi territori gli alfieri della ripresa a livello nazionale, creando buona occupazione. In questo senso la strada di fronte a noi è ancora lunga, ma quella imboccata è la via giusta” commenta la consigliera regionale Manuela Rontini. Continua a leggere →

Condividilo: