Bando per investimenti urgenti nei Comuni medio-piccoli: 2,5 milioni di euro a disposizione

Per investimenti nei Comuni medi e piccoli, fino a 50mila abitanti, arrivano due milioni e mezzo di euro dalla Regione. Il bando, già aperto, permette a ogni Comune di presentare un solo progetto e, per garantire tempi rapidi, l’ente locale deve essere in grado di presentare il progetto di fattibilità prima della sottoscrizione dell’accordo (previsto per il mese di ottobre) e avere un cronoprogramma dei lavori che preveda il termine entro il 2021.

“Si tratta di una risposta concreta ai bisogni dei Comuni piccoli e medi – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – frutto della legge regionale da noi approvata lo scorso anno per sostenere lo sviluppo integrato degli ambiti locali. La novità del bando, in scadenza a fine agosto, sta nel permettere ai Comuni di decidere dove intervenire, per rispondere meglio alle esigenze effettive delle persone, con un’operazione pratica di buona amministrazione”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Trasporto pubblico in montagna, una risoluzione per abbatterne i costi

Istituire un fondo per il Trasporto pubblico locale in montagna per aiutare i Comuni a coprire il costo, altrimenti troppo alto, del servizio e ridurre le tariffe per gli studenti delle scuole superiori, giocoforza costretti a lunghi tragitti.

È il senso della risoluzione approvata nei giorni scorsi in commissione ‘Territorio Ambiente Mobilità’ dell’Assemblea legislativa: “Sarebbe un provvedimento importante per non penalizzare ulteriormente i residenti dei comuni montani – commenta la presidente della commissione Manuela Rontini, firmataria della proposta – a partire dagli studenti delle superiori che devono recarsi nei centri maggiori, a valle, come succede ai ragazzi che abitano a Casola Valsenio, Riolo Terme o Brisighella e vanno a scuola a Faenza”. Continua a leggere →

Condividilo:

Pubblico e privato si alleano nel nome delle foreste

Tra gli obiettivi, nuovi boschi in pianura e nelle aree urbane.

“Sostenibilità ambientale e sicurezza idraulica, tutela della biodiversità e difesa dai cambiamenti climatici, gestione dei prodotti e dei servizi forestali nelle aree montane per il sostegno delle economie locali sono i pesi e contrappesi su cui abbiamo costruito il Piano forestale regionale 2014-2020” commenta la consigliera regionale Manuela Rontini, presidente della Commissione Territorio Ambiente.

Il Piano è stato approvato il 12 luglio dall’Assemblea legislativa con il voto favorevole di Pd, Lega, M5s e Sel e nessun voto contrario.

Oggi, in Emilia-Romagna, le aree forestali occupano 611mila ettari, di cui 543mila di boschi, ma solo il 3 per cento si trova in pianura. Il 60 per cento degli insediamenti boschivi ha vocazioni produttive, il 20 per cento è di proprietà pubblica (32mila ettari sono di proprietà della Regione), il 30 per cento si trova all’interno di aziende agricole. Continua a leggere →

Condividilo:

Coi prodotti di montagna il territorio ci guadagna

IFQ-MontagnaPer i consumatori europei i prodotti che vengono dalla montagna hanno un valore aggiunto. A dirlo sono i dati di Eurobarometro, secondo i quali il 65 per cento degli intervistati tiene in maggior considerazione le produzioni montane. Dato che sale all’80 per cento nel caso dei consumatori italiani.

Eppure non è sempre facile capire quale prodotto venga dalla montagna, o se un prodotto reclamizzato come montano sia effettivamente tale. L’Unione europea ha istituito in questo senso l’Indicazione facoltativa di qualità (Ifq) ‘Prodotto di Montagna’, una dicitura ancora poco conosciuta e scarsamente diffusa.

Per questo il gruppo del Partito democratico all’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ha presentato una risoluzione per impegnare la Giunta regionale ad agire, nelle sedi opportune, affinché siano disponibili “indicazioni precise in merito all’applicazione snella e chiara dei Regolamenti europei in termini di scelta dei prodotti e di documentazione aziendale”, al fine di “agevolare i produttori e i soggetti controllori ad un’effettiva applicazione e diffusione dell’Ifq ‘Prodotto di Montagna’”. Continua a leggere →

Condividilo: