Visita del ministro Boschi a Faenza, in appoggio a Malpezzi

«Noi gli impegni li rispettiamo e Malpezzi ne è un esempio». Così il ministro per i rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, ieri a Faenza: «Del buon governo non ci si stanca».

Il ministro Maria Elena Boschi a Faenza per sostenere Giovanni Malpezzi SindacoFAENZA. Il volto rassicurante ma allo stesso tempo risoluto della politica. Si è presentata così, sfoggiando il suo miglior repertorio d’appeal, il ministro per i rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, all’incontro organizzato dal Pd al cinema Sarti. Una presenza di riconosciuto spessore, arrivata come sostegno alla campagna elettorale di Giovanni Malpezzi.

Ad accompagnare il ministro per le Riforme costituzionali è stata una folta pattuglia di altri big democratici. Dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, al presidente della Provincia, Claudio Casadio, dal senatore di casa Stefano Collina al neo eletto segretario regionale, Paolo Calvano, fino ad arrivare alla consigliera regionale, la faentina Manuela Rontini. Con l’arrivo del ministro Boschi sfuma l’ipotesi di vedere Renzi a Faenza entro il 31 maggio. L’effetto politico non è comunque mancato.

Prima di passare la parola al ministro aretino, un sereno Giovanni Malpezzi ha presentato alcune delle parole chiave del programma: solidarietà, sviluppo, serietà ed equità. «Concetti – ha sottolineato – che riproponiamo dopo cinque anni di amministrazione con rinnovato spirito propositivo. Sono tranquillo perché credo che i faentini sapranno riconoscere e distinguere chi promette per mantenere, da chi urla e semina rancore politico».

La visita manfreda della Boschi, oltre alla valenza politica, ha anche un sapore ‘d’affetto’. Lo ha affermato la stessa ricordando come l’avventura e l’escalation politica del renzismo abbia visto «Malpezzi sempre in prima fila». Una vicinanza tra Faenza e Firenze che trova le basi nella «buona politica che mantiene ciò che promette. Noi – ha affermato Maria Elena Boschi dal palco – gli impegni li rispettiamo e Malpezzi ne è un esempio».

Non è mancato anche un invito ‘ministeriale’ ai faentini. La Boschi ha infatti esortato i presenti ad «andare avanti uniti anche in questi ultimi giorni di campagna elettorale. Del buon governo non ci si stanca e non ci si deve stancare di promuoverlo. Per questo – ha concluso il suo intervento – è giusto continuare ad andare a testa alta in mezzo alla gente dichiarando di appartenere al Partito democratico».

(articolo di Riccardo Isola, tratto dal Corriere Romagna, martedì 26 maggio 2015)

 

Condividilo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *