Stop alle macchinette mangiasoldi: a Granarolo un nuovo esercizio SlotFree

L’assessora Sangiorgi e la consigliera Rontini hanno consegnato il marchio ai nuovi titolari

Nuova gestione con un’importante novità al Circolo Arci di Granarolo (Faenza). Il locale, che ha sede all’interno della storica Casa del Popolo, punto di riferimento per la comunità e fulcro di tante attività diverse, ha deciso di dismettere le ‘macchinette mangiasoldi’.

Lo scorso sabato pomeriggio, in virtù di questa scelta, l’assessore comunale Simona Sangiorgi e la consigliera regionale Manuela Rontini hanno consegnato ai titolari dell’attività la vetrofania con il marchio SlotFreeER “Dove il gioco d’azzardo non c’è, si vive meglio”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Incentivi ai locali che abbandonano le macchinette 

Gioco d’azzardo. Dalla Regione 150mila euro per sostenere gli esercizi “SlotFreER”.

Un sostegno dalle istituzioni a chi rinuncia alle macchinette mangiasoldi e mangiavita. Con un bando, rivolto alle amministrazioni comunali, per finanziare progetti di contrasto a quelle apparecchiature che, pur legali, riducono moltissime persone sul lastrico.

Il marchio “SlotFreeER”, una vetrofania da appendere negli esercizi pubblici aderenti, parla chiaro: “Dove il gioco d’azzardo non c’è si vive meglio”. Riservato, dal 2013, agli esercizi che si sono liberati dalla presenza di macchinette mangiasoldi, il marchio è affiancato ora da una dotazione economica di 150mila euro.

“Si tratta di risorse previste da un emendamento del Pd al bilancio di previsione 2016 – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – messe ora a disposizione dalla Giunta, tramite bando, a Comuni e Unioni di Comuni per progetti di contrasto ai fenomeni di dipendenza dal gioco d’azzardo lecito. Questi 150mila euro saranno destinati tanto agli esercenti pronti a dismettere slot e macchinette dal proprio locale, quanto a iniziative legate alla sensibilizzazione sugli effetti delle cosiddette ludopatie”. Continua a leggere →

Condividilo: