Inserimento lavorativo dei disabili? Da salvaguardare

Il superamento delle Province sta portando con sé qualche, inevitabile, intoppo. Ma quelli che, per qualche burocrate, potrebbero essere classificati come impedimenti di poco conto, per i cittadini rappresentano disagi o rischi non tollerabili. Specie se si parla delle fasce più deboli della popolazione.

Per questo assieme ai colleghi Mirco Bagnari e Gianni Bessi abbiamo presentato, qualche giorno fa, un’interrogazione alla Giunta sull’inserimento lavorativo dei disabili, un diritto che la Regione Emilia-Romagna promuove con apposite norme nella legge regionale sul lavoro (la 17/2005).

La materia era posta in capo alle Province, tramite i Centri per l’impiego. Ora, in questa fase di transizione istituzionale, bisogna fare di tutto per salvaguardare le esperienze in atto sui territori, evitando l’improvvisa interruzione di servizi essenziali per una piena inclusione sociale di moltissime persone. Continua a leggere →

Condividilo:

Garantire ambienti adeguati per i disabili

Presentata una risoluzione per chiedere al Governo di rifinanziare il fondo nazionale per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Servoscala a piattaforma per carrozzine“L’abbattimento delle barriere architettoniche rappresenta una delle azioni più importanti per una comunità che intenda promuovere il contrasto all’esclusione sociale e la realizzazione di ambienti di vita accoglienti e adeguati a specifici bisogni dei cittadini disabili, e delle loro famiglie”.

Prende avvio da questa constatazione una risoluzione sottoscritta da Manuela Rontini, consigliera regionale Pd, in cui si segnala che la rimozione delle barriere architettoniche può contare su risorse e contributi di due fondi pubblici, il primo dei quali è nazionale e trova la propria disciplina nella legge 13/1989, che non viene però finanziata dal 2004.

Anche se la legge nazionale non prevede un obbligo di cofinanziamento la Regione, negli anni passati, è intervenuta per risolvere tale mancanza di fondi erogando complessivamente, dal 2002 al 2013, oltre 35 milioni di euro di risorse dal bilancio regionale. Continua a leggere →

Condividilo: