Sostegno alle Pro Loco: dalla Regione 65mila euro per il ravennate

Un sostegno a chi sostiene il territorio, lo anima e lo rende vivo e pulsante di iniziative. La Regione Emilia-Romagna ha assegnato tramite bando 340mila euro per le associazioni Pro loco. Di questi, oltre 65mila euro andranno al territorio ravennate.

“Questi fondi permetteranno di qualificare l’animazione turistica e la valorizzazione di risorse naturali, ambientali, artistiche, storiche e culturali – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – premiando la capacità organizzativa e l’efficacia dell’animazione turistica messa in campo dalle Pro loco. Un’attività insostituibile, la loro, specie nei piccoli centri di collina e montagna, in cui questi volontari innamorati del territorio fanno davvero la differenza”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Farmaci inutilizzati, basta sprechi

Un protocollo per evitare che farmaci importanti, non scaduti e del tutto integri, prendano la via del cestino, andando incontro piuttosto alle necessità di chi è meno fortunato.

Il documento, firmato dalla Regione, Hera e Last Minute Market (società spin-off accreditata dell’Università di Bologna, che promuove la lotta allo spreco e la sostenibilità ambientale), vuole promuovere in tutta l’Emilia-Romagna delle buone pratiche sui farmaci, evitando gli sprechi e facendo arrivare alle persone in difficoltà le agognate cure, che siano antibiotici, analgesici o medicine per patologie cardiovascolari.

Forse non tutti sanno che, per legge, le confezioni di medicinali ancora valide, integre e correttamente conservate, ma che non si utilizzano più, possono essere recuperate e consegnate a organizzazioni senza fini di lucro, che hanno finalità umanitaria o di assistenza sanitaria. Continua a leggere →

Condividilo:

Pesca in acque interne, meno burocrazia ma lotta dura contro i disonesti

Strada spianata ai pescatori, mano dura contro i bracconieri. Il provvedimento sulla pesca votato dall’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna alleggerisce la burocrazia del settore rafforzando, al tempo stesso, la lotta al bracconaggio.

Il ruolo dell’associazionismo tra pescatori, sia a scopo ricreativo che professionale, viene valorizzato prevedendo un maggiore coinvolgimento nelle attività gestionali, come nel caso dei ripopolamenti, e la partecipazione dei loro rappresentanti ai tavoli di concertazione.

In arrivo anche un significativo taglio agli adempimenti burocratici con l’eliminazione, ad esempio, dell’obbligo del tesserino per la pesca alla trota nei torrenti di montagna per chi sceglie di ributtare subito in acqua il pesce catturato con la lenza. Per i pescatori di professione sparisce anche l’autorizzazione regionale all’esercizio dell’allevamento ittico, dato che tutto viene ricompreso nell’autorizzazione sanitaria. Continua a leggere →

Condividilo:

Volontariato e sanità, il connubio deve continuare

A rischio gli ambulatori convenzionati dell’associazionismo, come quello di Faenza per Stp

Le Linee guida per la disciplina delle attività di volontariato, svolte in convenzione con l’Ausl Romagna, stabiliscono che non è più possibile stipulare convenzioni con associazioni di volontariato per lo svolgimento delle funzioni tipiche degli ambulatori di primo livello”. Lo rileva la consigliera regionale Manuela Rontini in una interrogazione rivolta alla Giunta.

Nel documento si chiede alla Regione di intervenire per ribadire l’importanza della collaborazione tra il settore pubblico e l’associazionismo, nel processo di qualificazione dei servizi regionali, e quindi invitare l’Ausl della Romagna a rivedere la propria impostazione in merito alle convenzioni inerenti gli ambulatori del territorio per gli stranieri temporaneamente residenti (Stp).

“L’esperienza estremamente positiva ed efficace dell’ambulatorio per Stp di Faenza, così come quella degli altri ambulatori che operano in Emilia-Romagna – sottolinea la Rontini – rappresenta quella sintesi efficace tra l’operato dell’Ente pubblico, dell’associazionismo e del volontariato tipica della nostra Regione, che ha dato tanti benefici e occasioni di crescita a vantaggio dell’intera comunità”. Continua a leggere →

Condividilo:

Più sport per tutti

Dalla Regione un milione e 200mila euro di contributi, per l’anno 2015. Le risorse sono messe a disposizione con tre bandi: la scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 23 ottobre.

Soccer - Army Youth Sports and Fitness - CYSS - Camp Humphreys, South Korea - 111001Un milione e 200mila euro di contributi, nel 2015, per eventi e manifestazioni sportive, promozione dell’attività finalizzata al miglioramento del benessere della persona e iniziative dell’associazionismo sportivo di livello regionale.

Lo stabiliscono tre provvedimenti approvati dalla Giunta, con l’obiettivo di sostenere, attraverso altrettanti bandi, la cultura della pratica sportiva, la tutela della salute attraverso stili di vita sani, la valorizzazione del territorio.

“Crediamo che la pratica motoria e l’attività sportiva siano un mezzo efficace di prevenzione e tutela della salute fisica e psichica, oltre che uno strumento di integrazione sociale e per la formazione della persona; – spiega la consigliera Manuela Rontini – per questo motivo la Regione ha deciso di destinare il 60% di risorse in più, rispetto agli anni passati, a sostegno dello sport di base e dell’associazionismo sportivo, che rappresenta un patrimonio straordinario delle nostre comunità, ed è basato per la maggior parte sul volontariato. Una novità assoluta è il bando per le manifestazioni sportive, al cui interno è previsto un sostegno alle associazioni, anche piccole, che abbiano ottenuto riconoscimenti pubblici per la loro capacità di portare avanti ‘progetti speciali’, cioè di grande valenza per la cittadinanza e il territorio”. Continua a leggere →

Condividilo: