Agricoltura sociale, contributi regionali per 1,4 milioni di euro

Coltivare frutta e ortaggi, coltivando allo stesso tempo le nuove generazioni e la solidarietà. Un bando della Regione Emilia-Romagna mette a disposizione degli agricoltori 1,4 milioni di euro per aprire un agri-nido o un agri-asilo, avviare progetti-pilota di contrasto alle nuove povertà (disoccupati o esodati), accogliere nuclei familiari in difficoltà con bimbi piccoli o anziani non del tutto autosufficienti, avviare tirocini formativi per l’integrazione di persone svantaggiate.

I fondi potranno essere usati per la costruzione, ristrutturazione o l’ampliamento di immobili o locali da destinare a queste attività, in convenzione con i Comuni o altri enti pubblici (Asp, Ausl, …) che si occupano di servizi alla collettività.

Continua a leggere →
Condividilo:

Una legge regionale per la piena inclusione sociale delle persone sorde

Un progetto di legge regionale per facilitare l’accesso a servizi sociosanitari e l’inclusione sociale delle persone sorde, sordo-cieche e con disabilità uditiva residenti in Emilia-Romagna. È stato presentato in Assemblea legislativa, primo firmatario Paolo Zoffoli, e sarà discusso nei prossimi giorni in Commissione.

Il progetto di legge parte da una constatazione: in Emilia-Romagna ci sono circa 4mila persone affette da sordità grave o profonda. E secondo l’Organizzazione mondiale della sanità il 60 per cento delle perdite uditive infantili, che influiscono sullo sviluppo del linguaggio, è dovuto a cause prevenibili.

Continua a leggere →
Condividilo:

Case-famiglia e strutture per anziani, un settore cruciale da qualificare con norme rigorose

Il settore dell’assistenza è delicato e cruciale. In Emilia-Romagna conta quasi 1200 strutture (28mila posti complessivi), attive tra assistenza socio-sanitaria e socio-assistenziale, in un sistema integrato tra pubblico, privato accreditato e privato autorizzato. Di queste, ben 980 sono destinate agli anziani (19600 posti) mentre 250 alle persone con disabilità (8200 posti).

“Una rete importante e fitta di case residenza, centri diurni, case di riposo e comunità alloggio – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – tenuta salda, in gran parte, dal Fondo regionale per la non autosufficienza. Basti pensare che lo scorso anno la Regione ha stanziato per esso 441 milioni di euro, sei milioni in più rispetto al 2017, una cifra pari a quanto lo Stato spende per questo settore nell’Italia intera. Per qualificare questo sistema, però, servono regole nuove. La Regione farà la sua parte, ma lo Stato deve mettere mano a quanto di sua competenza, sottoponendo ad esempio le case-famiglia ai requisiti del settore pubblico, evitando aperture facili, aumentando i controlli e le professionalità coinvolte”.

Continua a leggere →
Condividilo:

La società cambia, il nuovo Piano socio-sanitario cambia con lei

L’Italia cambia e l’Emilia-Romagna con lei. Da un lato il benessere e la maggiore aspettativa di vita hanno aumentato i numeri della popolazione anziana (gli over 75 sono ormai il 13 per cento in regione). Dall’altro si fanno sempre meno figli e le famiglie vedono ridursi il numero dei componenti (dai 2,41 del 2001 ai 2,14 stimati nel 2020). Scenari, che impongono una riflessione sui modelli di assistenza e cura, messi alla base del nuovo Piano sociale e sanitario regionale per il triennio 2017-2019, presentato dalla Giunta e approvato dall’Assemblea legislativa.

“Il Piano precedente – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – risaliva al 2008, prima che la crisi economica colpisse anche i nostri territori. Il nuovo documento mira in primo luogo a sostenere i soggetti più deboli e fragili, lottando contro l’esclusione e integrando tra loro in modo più stretto sanità e welfare. Il testo che abbiamo approvato è frutto di un lungo confronto con enti, sindacati e associazioni locali”. Continua a leggere →

Condividilo:

Elisoccorso in spiaggia, quando i minuti fanno la differenza

Chiesta l’attivazione del servizio nei lidi romagnoli

Spiagge affollate e strade congestionate sono la prassi in riviera nel periodo estivo. Condizioni che aumentano di molto il rischio d’incidenti, colpi di calore o malori in mare, rendendo al tempo stesso assai difficile l’intervento tempestivo delle ambulanze.

“Il sistema che consentirebbe di portare nel minor tempo possibile un medico, e le attrezzature di primissima rianimazione, presso il paziente è quello del soccorso con eliambulanze dotate di verricello – spiega la consigliera regionale Pd Manuela Rontini – strumento in grado di calare operatore e strumenti da un’altezza di 40 metri, senza bisogno di fare atterrare l’elicottero. In questo modo, in attesa che arrivi l’ambulanza da terra, il paziente potrebbe già ricevere le indispensabili e preziosissime prime cure evitando, in molti casi, complicanze o addirittura il decesso”. Continua a leggere →

Condividilo:

Sanità nazionale, l’Emilia-Romagna ha fatto scuola

Varati dal Governo i nuovi Livelli di assistenza ed un Piano nazionale vaccini. Estese al resto del Paese prestazioni che in Emilia-Romagna sono da tempo un diritto per tutti

Cure, esami, visite e vaccini che in Emilia-Romagna sono garantiti da tempo gratuitamente, o tramite ticket, vengono ora estesi in tutta Italia.

Lo si deve al provvedimento del Governo sui Lea (Livelli essenziali di assistenza) varato venerdì scorso, che aggiorna norme vecchie di 15 anni. E lo fa “ispirandosi”, in molti casi, all’esperienza della sanità emiliana e romagnola che già oggi garantisce a tutti i controlli nel corso della gravidanza fisiologica, visite ed esami per la fecondazione eterologa e omologa, cure odontoiatriche per chi è affetto da patologie invalidanti o è in difficoltà economica, trattamenti di adroterapia per la cura dei tumori. Continua a leggere →

Condividilo:

La nuova agricoltura coltiva solidarietà e assistenza

Fattorie dove possano sbocciare non solo coltivazioni ma giovani generazioni. E dove sia possibile seminare il valore della solidarietà, facendo diventare l’impresa agricola un vero presidio sociale della comunità.

Su questi principi si basa l’ultimo bando della Regione Emilia-Romagna per gli agricoltori, delibera che porta con sé 3,1 milioni di euro destinati alle attività sociali ed educative nelle imprese, una novità assoluta del Programma di sviluppo rurale (Psr 2014-2020).

Ci sarà tempo fino al 24 marzo prossimo per presentare, in Regione, progetti riguardanti la costruzione, ristrutturazione o l’ampliamento di fabbricati agricoli da destinare specificamente ad attività sociali, assistenziali o educative (in cooperazione con i Comuni o altri Enti che erogano prestazioni sociali). Continua a leggere →

Condividilo:

Sostegni per il “Dopo di noi”: a inizio anno si parte

Ripartito il Fondo: 6,5 milioni di euro a disposizione dell’Emilia-Romagna per i disabili privi di familiari

Quella sul “Dopo di noi” è una legge che riconosce ai disabili diritti troppo a lungo negati. Con l’approvazione del provvedimento, nel giugno scorso, l’Italia permette finalmente ai disabili bisognosi di assistenza il diritto di poter scegliere dove e con chi vivere, anche nel caso in cui vengano meno i genitori o che questi non siano più in grado di prendersene cura.

La legge ha stanziato risorse per 270 milioni di euro, tra Fondo e agevolazioni fiscali, per il triennio 2016-2018. Con il via libera della Conferenza delle Regioni, la settimana scorsa, le risorse del Fondo sono state finalmente ripartite. Dei 90 milioni a disposizione per l’anno in corso, 6,5 sono stati destinati all’Emilia-Romagna.

Continua a leggere →

Condividilo: