Passo dopo passo il turismo scopre una nuova dimensione

Aumentano i percorsi turistici “lenti” delle vie dei pellegrini, valorizzati dalla Regione con guide apposite

Cammino di San VicinioViaggiare in modo lento lento, lemme lemme, come nel lontano Medio Evo: i cammini dei pellegrini permettono a tutti, credenti e non, di fare un viaggio nel tempo e in sé stessi, lontani dal “logorio della vita moderna”. In Emilia-Romagna questi percorsi hanno superato ormai i 2mila chilometri (erano 1800 lo scorso anno), rappresentando una forte attrattiva turistica a livello europeo.

Quattordici itinerari che toccano un centinaio di Comuni, molti dei quali ricchi di eventi interessanti: “Per valorizzare le iniziative legate a questo particolare tipo di turismo – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – la Regione ha realizzato una mappa dei cammini religiosi oltre a una brochure con tutti gli eventi che animeranno, nel corso del 2017, queste storiche vie. Un contributo che potrà far riemergere il passato dei territori attraversati, stimolando e dando valore ai piccoli centri dell’entroterra o comunque ai luoghi lontani dal turismo di massa”. Continua a leggere →

Condividilo: