Promozione sociale: oltre 170mila euro di fondi per il ravennate

Un sostegno al volontariato locale, linfa delle comunità, per progetti di inclusione sociale e coinvolgimento attivo delle persone anziane, promozione di attività per giovani e minori, sviluppo e rafforzamento dei legami sociali nelle aree disagiate, nuovo welfare adatto alle esigenze del territorio, sviluppo della cittadinanza attiva e della cultura della legalità. Sono solo alcune delle possibili destinazioni dei fondi, per un totale di 1,93 milioni di euro, messi a disposizione tramite bando, dalla Regione Emilia-Romagna.

Le risorse regionali sono a disposizione di organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale, che dovranno presentarsi in partnership indicando un capofila.

“Il Terzo settore, colonna portante delle nostre comunità e dell’intero Paese, oggi è sotto attacco – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – come ha ricordato qualche giorno fa il professor Stefano Zamagni, uno dei massimi esperti della materia. Il Governo ha innescato contro queste realtà, fatte di persone che con generosità si mettono a servizio degli altri, un conflitto mai visto. La Regione Emilia-Romagna, al contrario, continua a lavorare insieme al mondo del non profit e ai tanti volontari, per rispondere ai bisogni delle persone più fragili”.

Ai sensi del bando, non saranno ammissibili progetti dal costo totale inferiore a 12mila euro, mentre il finanziamento massimo possibile per singolo progetto è di 22.500 euro. Il distretto di Ravenna potrà presentare al massimo 5 progetti, 3 quello di Lugo e 2 quello di Faenza. Il numero dei progetti e le risorse sono stati calcolati in base alla popolazione.

Alla provincia di Ravenna sono destinati oltre 170mila euro. Nello specifico, il distretto di Lugo (102.664 abitanti) ha a disposizione 44.524,43 euro, quello di Faenza (88.852 abitanti) 38.534,29 euro e infine per Ravenna (200.707 abitanti) sono disponibili 87.044,78 euro di risorse.

Le domande dovranno essere compilate e trasmesse con la relativa documentazione, esclusivamente per via telematica, tramite l’applicativo web Teseo entro lunedì 8 luglio 2019.

> Le accuse di Stefano Zamagni sul periodico Vita

> Il testo del bando

> Il portale per la presentazione delle domande

[Foto CC]

Condividilo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.