Patto di stabilità territoriale: altri 15 milioni di euro per i Comuni dell’Emilia-Romagna

Risorse sbloccate per l’edilizia scolastica e la messa in sicurezza del territorio.

Calculator and MoneyNuove risorse disponibili per l’edilizia scolastica e la messa in sicurezza del territorio: la Regione Emilia-Romagna ha assegnato ulteriori spazi finanziari per 15 milioni di euro grazie al patto di stabilità territoriale, che consente di massimizzare le opportunità di interventi (diversamente sarebbero bloccati dai vincoli imposti dal patto di stabilità interno) e di accelerare i tempi di pagamento a favore delle imprese.

Di questi, oltre 2,1 milioni di euro andranno a favore di 8 Comuni della provincia di Ravenna: Bagnara di Romagna (32.797 euro), Castel Bolognese (287.500 euro), Cervia (790.500 euro), Faenza (166.100,25 euro), Lugo (405.484,59 euro), Massa Lombarda (80.000 euro), Ravenna (269.501,76 euro) e Russi (105.750 euro).

Le risorse, sbloccate in tutte le province nell’ambito del patto orizzontale, ovvero tramite quote concesse dagli enti locali, consentiranno interventi sia di completamento, adeguamento e manutenzione straordinaria di edifici scolastici, sia di ripristino e messa in sicurezza del territorio.

“L’urgenza di intervenire per ripristinare i gravi danni causati dagli eventi atmosferici dei mesi scorsi – spiega la consigliera regionale Manuela Rontini – è stata assunta come priorità, assieme al bisogno di rendere possibili l’adeguamento delle scuole e la manutenzione e l’ammodernamento delle aule. Grazie a questo meccanismo di solidarietà tra enti, e all’azione di coordinamento della finanza regionale, si riescono a mettere a disposizione risorse importanti, anche considerando le incertezze e le difficoltà dei comuni nella predisposizione dei propri bilanci”.

La Regione, nell’ambito del patto territoriale, ha già assegnato spazi finanziari per oltre 125,8 milioni di euro dall’inizio del 2015.

> Il dettaglio delle risorse assegnate ai Comuni emiliano-romagnoli

Condividilo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.