Messa in sicurezza della statale Adriatica, un impegno preso e ribadito

La Regione finanzierà la progettazione del lotto di Alfonsine e di quello in corrispondenza degli abitanti di Glorie, Mezzano e Camerlona

L’ultima conferma, se ce ne fosse bisogno, sulla pericolosità della Strada statale 16 nel territorio ravennate è arrivata a fine dicembre dall’Osservatorio per l’educazione alla sicurezza stradale dell’Emilia-Romagna: per numero di incidenti gravi, l’Adriatica è infatti la strada più pericolosa della provincia.

Ma le istituzioni, Regione in primis, stanno già affrontando il problema: “Sulla sicurezza della Statale 16 la nostra attenzione è sempre stata massima – assicura la consigliera regionale uscente e ricandidata nelle fila del Pd, Manuela Rontini – tanto è vero che abbiamo lavorato per inserire tutte e quattro le varianti necessarie nel Prit 2025, il Piano regionale integrato dei trasporti adottato dall’Assemblea legislativa nel luglio scorso. Potremo così superare la situazione attuale che vede quest’arteria stradale tagliare letteralmente a metà alcuni centri abitati del nostro territorio, garantendo sicurezza tanto ai residenti quanto ai mezzi in transito”.

Nel dettaglio, le varianti alla Ss 16 inserite come interventi prioritari nel Prit 2025 sono il primo lotto di Argenta (di cui è già stata realizzata la progettazione definitiva, finanziata dalla Regione), il secondo lotto di Alfonsine (dalla variante attuale fino al Ponte della Bastia, passando a nord di Voltana), quella in corrispondenza degli abitati di Glorie, Mezzano, Camerlona, e quella di Fosso Ghiaia nel comune di Ravenna.

“Nei prossimi mesi finanzieremo la progettazione definitiva del tratto fino al ponte della Bastia e di quello relativo a Glorie, Mezzano e Camerlona – aggiunge la consigliera Rontini, che nella passata consiliatura ha presieduto la commissione Territorio Ambiente e Mobilità –. È un impegno che abbiamo preso mesi fa e che abbiamo ribadito anche nei giorni scorsi, proprio a Voltana, assieme all’assessore regionale alle infrastrutture Raffaele Donini. Nel frattempo, è necessario che Anas esegua i lavori di manutenzione stradale”.

“Per la Romagna, la Statale 16 ha la stessa importanza che la via Emilia ha per l’intera Emilia-Romagna – conclude la consigliera Rontini, ricandidata alle elezioni del 26 gennaio -. Ecco perché, per realizzare al più presto tutte e quattro le varianti dell’Adriatica, dobbiamo fare squadra tra le diverse forze politiche: questo è un tema su cui non possono esserci divisioni”.

Condividilo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.