Memoria del Novecento: in arrivo 70mila euro per progetti in provincia di Ravenna

Prosegue l’obiettivo della legge regionale sulla Memoria

La Regione ha deliberato l’assegnazione dei fondi previsti dal bando relativo alla legge sulla Memoria del Novecento. “Nel territorio ravennate – riporta la consigliera regionale Pd, Manuela Rontini – arriveranno contributi per 70mila euro, utili a sostenere un corposo programma di attività legate alla valorizzazione dei luoghi della memoria, alla tutela e conservazione dei documenti storici, alla ricerca e alla raccolta delle testimonianze. Fondi destinati a progetti che hanno l’obiettivo di riannodare i fili della memoria, per non far cadere nell’oblio i fatti che hanno segnato il XX secolo e, con essi, il nostro presente”.

L’avviso era rivolto ad Associazioni, Istituzioni senza fini di lucro, Comuni e Unioni di Comuni ed in particolare la Regione ha voluto sostenere la realizzazione di progetti integrati, favorendo l’aggregazione e l’interazione tra i soggetti.

Nello specifico i fondi sosterranno la realizzazione di 7 progetti nel territorio della provincia di Ravenna, 2 dei quali presentati da Enti locali.

All’Associazione nazionale partigiani d’Italia (ANPI, Comitato provinciale di Ravenna) sono stati destinati 20mila euro per il progetto “Fruibilità di luoghi e costruzione delle mappe della memoria”, 11mila euro andranno all’associazione “Rumore di fondo” per proseguire la realizzazione di “Materiale resistente 2.0” e 16mila euro all’Associazione nazionale reduci della Friuli, di Riolo Terme, per il progetto “Bambini e bambine sulla linea gotica. Racconti di guerra 1944-1945”.

Il Circolo cooperatori di Ravenna beneficerà di un contributo di 9mila euro per il progetto sulle Case del popolo della Romagna e l’associazione Onnivoro avrà a disposizione 5mila euro per “Riscrivere la storia”.

Infine, i Comuni di Cervia e Faenza si sono aggiudicati rispettivamente 4mila euro per il progetto “Dalla terra al mare: la metamorfosi nel Novecento” e 5mila euro per “Qualcuno si oppose”.

“Anche grazie all’attenzione dell’assessore Mezzetti prosegue l’impegno e il sostegno della Regione nei confronti alle associazioni del nostro territorio. – commenta la consigliera Rontini – Solo continuando a conoscere e divulgare, in particolare alle giovani generazioni, le tragiche vicende che hanno segnato anche la nostra storia locale potremo cautelarci dagli orrori del passato e la legge regionale sulla Memoria del Novecento è lo strumento che ci consente di farlo”.

Condividilo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.