Soste forzate e treni stracolmi: interrogazione sulla linea Ravenna-Bologna

Disagi e ritardi, tra treni strapieni e corse soppresse. In attesa dei miglioramenti in arrivo un domani (col rinnovo della flotta su ferro entro l’anno) la Regione non può non occuparsi dell’oggi, un presente che vede i pendolari costretti a viaggiare su treni vecchi, carrozze sovraffollate e in orari che non coincidono con le esigenze di lavoro e studio.

Sul tema, la consigliera regionale Manuela Rontini ha presentato una nuova interrogazione alla Giunta, dopo i disagi segnalati il 26 febbraio scorso nella stazione di Lugo, con un treno fermo mezz’ora causa sovraffollamento.

Continua a leggere →
Condividilo:

Da settembre gli abbonati al treno viaggiano gratis in autobus

Stimato un risparmio medio di oltre 150 euro l’anno per 58 mila pendolari, lavoratori, studenti emiliani e romagnoli

Il primo treno RockUn trasporto pubblico accessibile e conveniente. Questa l’idea dell’Emilia-Romagna che, in attesa del rinnovo totale del materiale rotabile (2019), mette in opera un nuovo tassello per semplificare la vita a chi rinuncia ai mezzi privati: dal primo settembre l’abbonamento ferroviario permetterà di viaggiare, senza ulteriori costi, su tutti gli autobus delle città di origine e destinazione del titolo di viaggio.

L’opportunità, resa possibile da un investimento regionale di 6 milioni di euro l’anno, è valida nelle 13 città emiliane e romagnole con più di 50mila abitanti (i 10 capoluoghi provinciali più Carpi, Faenza e Imola). Per 58mila pendolari, lavoratori e studenti, comporterà un risparmio compreso tra i 110 e i 180 euro l’anno. Continua a leggere →

Condividilo:

Linea Faenza-Lavezzola: non servono nuovi abbonamenti

Sono cambiate, e in meglio, le modalità del servizio sulla linea Faenza-Lavezzola, ma una comunicazione carente ha causato qualche difficoltà agli studenti e ai pendolari che ogni giorno viaggiano su quel percorso, in treno o in autobus.

Tanto che, al ritorno dalle vacanze natalizie, gli utenti hanno trovato alcune fermate di bus spostate, mentre il passaggio di gestione dei bus integrativi (da Trenitalia al consorzio Mete) ha aggiunto ulteriori dubbi sul fronte dei biglietti e degli abbonamenti.

Per vederci chiaro, i consiglieri regionali Mirco Bagnari (primo firmatario) e Manuela Rontini hanno presentato alla Giunta una interrogazione a risposta immediata: “Non è la prima volta che ci troviamo ad intervenire su questo problema – precisa Manuela Rontini, presidente della commissione Mobilità dell’Assemblea legislativa – tanto che l’atto depositato è stato preceduto da un’altra interrogazione e dall’audizione in Commissione, da me richiesta, dell’Assessore Donini”. Continua a leggere →

Condividilo:

In bici sul bus come sul treno

La bicicletta può diventare il prolungamento naturale della rete di trasporto pubblico. Che si tratti di treni (come già avviene) o di autobus. A spingere sull’acceleratore, o meglio sul pedale, dell’integrazione bici-Tpl è la consigliera regionale Manuela Rontini, autrice di un’interrogazione alla Giunta sul tema: “Ci sono ampi margini per migliorare il servizio di integrazione bici-treno e, di più, per estenderlo al trasporto pubblico su gomma, per una vera intermodalità di trasporto. Per questo ho chiesto alla Giunta se condivide questo tipo di integrazione e come intende procedere in merito”.

L’importanza della mobilità sostenibile è già riconosciuta dalla Regione, tanto all’interno delle politiche per il miglioramento della qualità dell’aria quanto in quelle per la promozione di stili di vita sani. Usare il Tpl e le biciclette, infatti, può portare a benefici tangibili sia per il contenimento di polveri sottili e gas serra che per la salute e il benessere psicofisico delle persone. Continua a leggere →

Condividilo:

Treni: “Biglietti a fasce addio? Aumentiamo le self service”

Nell’interrogazione si chiede anche se, in vista dei cambiamenti che riguarderanno migliaia di viaggiatori, verrà predisposta una campagna informativa di concerto con Trenitalia.

Verso la libertàGli organi di stampa, nei giorni scorsi, hanno riportato una nota diffusa da Trenitalia in cui si annuncia la dismissione dei biglietti a fascia chilometrica, che potranno essere acquistati fino al 31 marzo e utilizzati fino al 30 giugno 2016, salvo esaurimento scorte, e l’introduzione di biglietti con “l’indicazione delle stazioni di partenza e di arrivo, utilizzabili entro un tempo determinato dal loro acquisto”, già oggi disponibili sui canali digitali: trenitalia.com e App Trenitalia.

Ne dà notizia la consigliera Manuela Rontini in un’interrogazione rivolta alla Giunta regionale, in cui segnala che l’acquisto dei nuovi titoli di viaggio può avvenire da quattro mesi fino a 20 minuti prima della partenza e che il biglietto non deve essere stampato. “In alternativa, – aggiunge – le edicole e i quattromila tabacchi delle stazioni italiane aderenti alla Fit sono già dotati di un terminale che stampa un biglietto indicante stazioni di partenza e di arrivo, con validità di due mesi; rimarranno poi operative le biglietterie tradizionali delle stazioni che ne sono provviste, così come le emettitrici self service”. Continua a leggere →

Condividilo:

Ispezione sulla linea ferroviaria Rimini-Bologna

Sopralluogo nei treni regionali con l'Assessore Raffaele DoniniQuesta mattina ho accompagnato l’assessore regionale ai Trasporti, Raffaele Donini, nel suo viaggio di ispezione della tratta ferroviaria Rimini-Bologna, sul treno regionale RV11526 con partenza alle 6:45 da Rimini e arrivo a Bologna alle 8:21 (io sono salita alla stazione di Faenza, alle 7:35).

Da alcuni mesi, l’assessore Donini ha infatti avviato una serie di ispezioni periodiche lungo le linee ferroviarie dell’Emilia-Romagna (sia quelle gestite da Fer che da Rfi), nelle fasce orarie più frequentate dai pendolari, con l’obiettivo di verificare di persona le condizioni del servizio e controllare il rispetto degli standard di puntualità e affidabilità previsti.

Insieme a noi c’erano anche due funzionari (di cui un’ispettrice) della Regione Emilia-Romagna e il Comitato pendolari di Romagna RomBo (di cui ho ancora in tasca la tessera n. 165, anche se da qualche anno viaggio molto più frequentemente in auto). Continua a leggere →

Condividilo:

Bici sul treno, il nuovo abbonamento regionale costa la metà

Reintegro dell’abbonamento annuale, ora valido anche sui servizi Tper, e incentivi per l’uso delle biciclette pieghevoli.

Treno Roma-Pisa, vagone biciTorna in Emilia-Romagna, a partire dal primo aprile 2015, l’abbonamento annuale che consente di caricare la bici sul treno. I titoli “Mi Muovo bici in treno” saranno in vendita dal 25 marzo prossimo, con novità significative: la validità, che sarà estesa anche ai servizi svolti da Tper sulla rete ferroviaria regionale; il costo, che passa dai precedenti 122 ai 60 euro a carico dell’utente.

Costa la metà e vale il doppio – ha sottolineato Raffaele Donini, assessore regionale ai Trasporti – perché da la possibilità di viaggiare su rete RFI ma anche FER”.

“È un buon risultato, che risponde a un’esigenza diffusa tra i cittadini. – dichiara Manuela Rontini, consigliera regionale e presidente della commissione Mobilità – La Regione ha messo in campo, in tempi rapidi, un pacchetto di misure per rafforzare la mobilità sostenibile e l’intermodalità, come era stato chiesto da più parti. Vogliamo collocare l’Emilia-Romagna tra le realtà più avanzate in Italia e in Europa”.

Va infatti infatti ricordato che Sara Poluzzi, con una petizione lanciata su change.org, in poche settimane ha raccolto oltre 57mila firme per chiedere “a Trenitalia di rendere omogenea a livello nazionale la possibilità di acquistare abbonamenti mensili ed annuali per il trasporto bici”. Continua a leggere →

Condividilo: