Cinema e audiovisivo, il sostegno pubblico è uno spettacolo

Cinque milioni di euro nel 2018 per i bandi dedicati a produzione, sviluppo e promozione

I sostegni pubblici al cinema e al settore dell’audiovisivo sono serviti? A giudicare dai risultati ottenuti nel primo triennio ‘sperimentale’ sembrerebbe proprio di sì, tanto che la Regione ha deciso di incrementare il Fondo per l’audiovisivo, con nuovi bandi dedicati alle produzioni emiliane e romagnole, italiane ed estere, più attenzione ai progetti di sviluppo e promozione culturale cinematografica, un ruolo più importante per la Film Commission.

“La prova generale, se così vogliamo definire lo scorso triennio, è stata un successo – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – tanto che ora i sostegni regionali al cinema e all’audiovisivo sono pronti a tornare in scena più forti che mai. Nei tre anni passati sono stati concessi contributi per 4,27 milioni di euro e ogni euro investito ha prodotto una ricaduta di quasi quattro euro sul territorio, per un volume complessivo di spesa pari a 40 milioni. Si è di fatto creato un network regionale di imprese, produzioni e turismo, favorendo l’occupazione nel settore”.

Continua a leggere →

Condividilo:

Rassegne del grande schermo, bando regionale da 450mila euro

Rassegne cinematografiche e festival sono un ottimo strumento per diffondere sul territorio la cultura artistica e creativa, animando cinema, piazze o luoghi di ritrovo. Per questo la Regione Emilia-Romagna ha stanziato 450mila euro di finanziamenti a fondo perduto (356mila per i festival, 85mila per le rassegne), destinati a soggetti pubblici o privati operanti nel settore, da richiedere entro il 10 marzo prossimo.

Nel 2016 sono stati finanziati con questo meccanismo 22 festival e 6 rassegne, in un panorama regionale che conta circa 50 festival distribuiti su tutta la regione, con eccellenze riconosciute a livello internazionale. Con un aumento degli spettatori, nell’ultimo anno, del 5 per cento.

Possono presentare i progetti i soggetti pubblici o privati che operino nel settore del cinema e dell’audiovisivo, di norma senza fini di lucro, costituiti in qualsiasi forma giuridica con esclusione delle persone fisiche. Ciascun soggetto potrà presentare al massimo due domande per due differenti progetti di festival o rassegne. Continua a leggere →

Condividilo:

Quando il terziario è al primo posto

Borghi e centri storici più accoglienti e più attraenti, per i turisti e per tutti i cittadini, grazie al commercio, alla cultura e agli spettacoli. La Regione ha stanziato 14,9 milioni di euro per riqualificare alberghi, negozi, cinema e teatri, con un occhio di riguardo ai centri cittadini ed ai piccoli borghi di montagna.

I contributi pubblici potranno generare investimenti per 43 milioni di euro, premiando in particolare chi crea nuova occupazione: “Si tratta di un intervento in comparti diversi ma strategici – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – perché un turismo di qualità e l’attrattività di un territorio passano anche attraverso la competitività delle imprese e del tessuto produttivo”. Continua a leggere →

Condividilo:

Manifestazioni e inquinamento acustico: presentata un’interrogazione

Una città viva ma non chiassosa, animata da eventi ma senza spaccare i timpani, ricca d’iniziative ma priva di cappi burocratici. Quando si devono organizzare iniziative pubbliche, fondamentali in una città vitale, non è facile trovare l’equilibrio tra il rigore delle norme sull’inquinamento acustico e l’entusiasmo degli organizzatori.

Il tema dell’inquinamento acustico è regolato da una legge quadro nazionale, che stabilisce i principi fondamentali in materia di tutela dell’ambiente esterno e dell’ambiente abitativo, e che demanda alle Regioni la definizione delle modalità di rilascio delle autorizzazioni comunali. Continua a leggere →

Condividilo:

Spettacoli dal vivo, ecco il bando 

A poco più di un mese dall‘approvazione in Assemblea legislativa del Programma regionale spettacoli 2016-2018 (che definisce obiettivi e azioni prioritarie nei diversi settori), è già disponibile un bando da 8 milioni di euro per progetti di attività di spettacolo dal vivo o progetti di residenze artistiche.

I progetti di attività di spettacolo dal vivo dovranno essere presentati entro lunedì 11 aprile.

Saranno finanziati, con convenzioni o contributi diretti, progetti di rilievo regionale per la produzione e distribuzione di spettacoli dal vivo, l’organizzazione di rassegne e festival, il coordinamento e la promozione di settori specifici dello spettacolo.   Continua a leggere →

Condividilo:

Cinque bandi regionali per nuove pellicole, festival e rassegne cinematografiche

A disposizione fondi per 2,77 milioni di euro

Cinque nuovi bandi per l’audiovisivo, cinque nuovi bandi per costruire un mondo di emozioni, riflessioni collettive, nuovi posti di lavoro e promozione del territorio.

Sono stati varati dalla Giunta nelle scorse settimane, in attuazione del Programma regionale 2015-2017, con contributi per 2,77 milioni di euro, che salgono a 5,5 milioni di euro tenendo conto dei fondi europei.

Tre di questi sono destinati alla produzione di opere cinematografiche o audiovisive, gli altri due sono dedicati all’organizzazione e realizzazione di festival e rassegne in ambito cinematografico e audiovisivo con progetti biennali e annuali.

Il primo bando (1,2 milioni di euro) è rivolto a produzioni nazionali e internazionali realizzate (anche parzialmente) sul territorio regionale. E’ attivo dal 2 marzo al 31 luglio o fino a esaurimento fondi. Ogni impresa potrà presentare un massimo di due progetti scegliendo tra: lungometraggi, film e serie per la tv, documentari o docu-fiction, serie web. Tutti i generi potranno essere realizzati anche con tecniche di animazione. Il tetto massimo di contributo è fissato in 150mila euro per lungometraggi, film e serie tv; 50mila euro per documentari o docu-fiction; 25mila euro per serie web. Continua a leggere →

Condividilo:

Raddoppiano i fondi per cultura e spettacoli

Con la cultura si mangia e con gli spettacoli anche, in barba a tutti i luoghi comuni. In Emilia-Romagna il settore ha un peso pari al 5 per cento del Pil, e dà lavoro a 80mila persone in 30mila imprese.

Per questo la Regione ha deciso di aumentare gli investimenti dedicati, passando dai 18,6 milioni di euro del 2014 ai 32 milioni a bilancio per il 2016. Risorse che saranno accessibili con una serie di bandi.

Il Programma triennale in materia di spettacolo e promozione delle attività culturali (per gli anni 2016-2018) è stato approvato nei giorni scorsi dall’Assemblea legislativa con il voto favorevole del centrosinistra.

Si tratta di due delibere di Giunta che fissano gli obiettivi e le azioni prioritarie per il triennio nei diversi settori: teatro, musica, danza, attività multidisciplinari e circo contemporaneo (per quanto riguarda gli spettacoli). Il sostegno al circo contemporaneo rappresenta una novità, così come gli incentivi al settore per nuove assunzioni o stabilizzazioni. Continua a leggere →

Condividilo:

Le Pro Loco, tra tradizione e nuove sfide

Un progetto di legge regionale allarga gli orizzonti delle piccole associazioni, inserendole nel sistema di valorizzazione turistico.

Brisighella (RA)Il turismo cambia con gli anni e con le mode e, con esso, deve cambiare il modo di intercettare i gusti dei turisti. Anche cambiando chi, della tradizione e della storia di un territorio, è il primo custode: le Pro Loco.

In Emilia-Romagna ci sono ben 300 Pro Loco (6mila in Italia con 600mila soci), associazioni di cittadini innamorati del proprio paese e impegnati a valorizzarne bellezze, folclore e usanze.

Un progetto di legge regionale bipartisan (primo firmatario Giuseppe Paruolo, Pd) ipotizza una riforma del settore improntata ad una maggiore collaborazione tra Pro Loco ed Enti territoriali nell’ambito turistico. Continua a leggere →

Condividilo:

Spettacoli dal vivo e formazione musicale: doppio sostegno dalla Regione

Due bandi, per 1,5 milioni di euro complessivi, in favore di scuole di musica e formazione tecnica.

Laboratorio Rif #4La musica giova ai cuori e all’occupazione. Il settore degli spettacoli dal vivo è importante tanto per la socializzazione quanto per la capacità di attrarre sul territorio occupazione qualificata. Per questo la Regione ha scelto di valorizzare le attività di educazione e pratica musicale d’insieme, realizzate dalle scuole di musica riconosciute, con due bandi.

Uno mira a sostenere la motivazione degli studenti, promuovere la socializzazione e favorire l’integrazione dei ragazzi con disabilità o in condizione di svantaggio.

L’altro a qualificare e far emergere un sistema di competenze professionali e artistiche per favorire l’occupazione delle persone, sostenendo lo sviluppo del settore dello spettacolo dal vivo e richiamando sul territorio regionale produzioni di qualità. Continua a leggere →

Condividilo: