Telecamere e banche dati: il modello faentino preso a modello

Per la Regione, il sistema di videosorveglianza delle targhe auto in funzione nel territorio della Romagna faentina è un modello virtuoso da estendere a tutte le città emiliane e romagnole.

Con l’approvazione, nei giorni scorsi, di una risoluzione presentata dal Pd, l’Assemblea legislativa regionale ha chiesto al Governo specifici accordi per avviare sperimentazioni volte a favorire l’interconnessione tra le amministrazioni locali dell’Emilia-Romagna e le relative strutture di polizia, con il sistema di controllo targhe del Servizio nazionale controllo targhe e transiti presso la Polizia di Napoli, al fine di consentire una verifica in tempo reale di eventuali auto rubate. Continua a leggere →

Condividilo:

Sbloccare i fondi antisismici per gli edifici scolastici

Per il faentino ci sono ancora 1,41 milioni di euro di contributi congelati

Sulla messa in sicurezza delle scuole non c’è tempo da perdere. Lo scorso anno il Ministero dell’Istruzione stanziò risorse ingenti per la messa in sicurezza e l’adeguamento sismico degli edifici scolastici (oltre 94 i milioni, a supporto di 234 edifici, nella sola Emilia-Romagna). Interventi già pianificati nei minimi dettagli, che sarebbero dovuti partire in estate, a scuole chiuse. Eppure, questi fondi sono ancora bloccati.

Inizialmente, la legge istitutiva del Fondo per la sicurezza delle scuole era stata impugnata davanti alla Corte Costituzionale dalla Regione Veneto (in merito alla disciplina dei finanziamenti gestiti unilateralmente dallo Stato su materie rientranti nelle competenze regionali), ma la Suprema Corte, nell’accogliere l’istanza, specificò bene come gli interventi antisismici nelle scuole fossero svincolati da tale dinamica.

Per questo la consigliera regionale Manuela Rontini ha depositato una risoluzione con cui si chiede al Governo lo sblocco urgente dei fondi per gli interventi antisismici degli edifici scolastici, a favore della sicurezza degli studenti. Continua a leggere →

Condividilo:

Polizia locale, approvata la riforma: concorso unico regionale, formazione comune, maggiore collaborazione

Mezzi moderni, norme rinnovate e, soprattutto, tanta collaborazione per le polizie locali dell’Emilia-Romagna, facendo venire meno quella logica a compartimenti stagni che in molti casi ha segnato le Municipali.

L’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ha approvato il progetto di legge di riforma della Polizia amministrativa e locale, mirato a promuovere un sistema integrato di sicurezza. Una legge, varata dopo un lungo percorso partecipato, che interessa circa 4mila operatori tra agenti e ufficiali.

Quello che viene disegnato dalla legge è un nuovo modello di polizia più vicino ai cittadini, con modalità organizzative per un servizio moderno, efficace ed efficiente, e alcune novità di rilievo nazionale. Continua a leggere →

Condividilo:

Dopo 15 anni, parte l’iter di riforma delle Polizie locali

Una riforma attesa da tempo, quella delle Polizie locali, approda in Assemblea legislativa. Oggi pomeriggio in Commissione è stato nominato il relatore del progetto di legge, d’iniziativa della Giunta regionale, pensato per rispondere alle esigenze di sicurezza dei cittadini e alle aspettative dei lavoratori del settore.

Il tema ci impegnerà nelle prossime settimane, ma già ora il testo presenta delle novità interessanti. Tra queste il concorso unico regionale per gli addetti di Polizia locale (alla cui graduatoria potranno attingere i singoli Comandi), la possibilità di poter usufruire in modo semplice di personale di altri territori (in caso di emergenze o esigenze particolari), la formazione degli operatori per affrontare situazioni critiche o traumatiche (con la possibilità di un supporto psicologico). Un fondo regionale coprirà poi eventuali spese legali che gli addetti si trovassero a dover sostenere in relazione a dei procedimenti penali attivati a seguito dell’espletamento dei loro compiti istituzionali. Continua a leggere →

Condividilo:

Sicurezza nelle sagre? Sì, ma senza mortificare il volontariato locale

Sicurezza sì, ma non a scapito del lavoro dei tanti volontari che animano gli eventi e le sagre dei piccoli territori. A prendere posizione sulla cosiddetta “circolare Gabrielli”, il documento che dal giugno dello scorso anno ha imposto nuove misure di sicurezza per concerti o eventi in piazza, è la Regione Emilia-Romagna.

Una risoluzione di maggioranza, emendata dai consiglieri del Partito Democratico, impegna la Giunta Regionale a rivalutare in sede di conferenza Stato-Regioni l’ultima delle circolari (di fine luglio scorso) ritenendo che norme di questo genere debbano essere frutto “di una più alta concertazione” e tenendo in considerazione “la fattibilità degli eventi, soprattutto per iniziative di dimensioni ridotta che coinvolgono realtà locali e ambiti territoriali limitati, contribuendo però in maniera rilevante ad arricchire l’offerta socio-culturale dei territori”. Continua a leggere →

Condividilo:

Anche telecamere e banche dati devono fare squadra per la sicurezza

Presentata una risoluzione per sfruttare al massimo i sistemi esistenti, partendo dal progetto già avviato nel faentino

Stop al dialogo tra sordi, ai sistemi incompatibili, alle soluzioni tecnologiche a macchia di leopardo, tutti aspetti che spesso minano gli attuali sistemi di sicurezza: “In questi anni sono stati fatti importanti investimenti in materia da parte degli Enti locali e dello Stato, tuttavia i sistemi di videosorveglianza non sono sempre stati in grado di dialogare sinergicamente tra loro e quindi non si è potuto sfruttare al massimo il loro potenziale. Mettere in un sistema integrato la lettura delle targhe delle auto sarebbe un prezioso strumento di contrasto all’attività criminale, pertanto è urgente che il collegamento alla banca dati dei veicoli rubati da parte delle Polizie locali sia ripristinato” spiega la consigliera regionale Manuela Rontini. Continua a leggere →

Condividilo:

Investimenti milionari per la sicurezza della statale Romea

L’impegno Anas dettagliato in una risposta ad un’interrogazione regionale

L’odissea stradale della statale 309 Romea vede finalmente uno spiraglio di luce. Dopo le numerose sollecitazioni da parte dei sindaci emiliano-romagnoli e dei consiglieri regionali, è arrivata la risposta di Anas in merito alla manutenzione della strada.

“Anas ha previsto un finanziamento di oltre un miliardo per risolvere le criticità stradali dell’itinerario E45-E55, di cui fa parte anche la Romea – spiega la consigliera Manuela Rontini –. Nello specifico per la statale 309, considerata una delle strade più pericolose d’Italia e da anni al centro di dibattiti sulla sicurezza, sono previsti tre interventi alla pavimentazione per oltre 11 milioni di euro nel tratto emiliano-romagnolo. I lavori però sono attualmente sospesi per le basse temperature e riprenderanno in primavera”.  Continua a leggere →

Condividilo:

Casse di espansione del fiume Senio: serve concretezza

Le casse di espansione dei fiumi sono un presidio importante per evitare allagamenti e dissesti idrogeologici nel caso di piene eccezionali. Sulla realizzazione di alcune di queste, però, si stanno accumulando pesanti ritardi.

È il caso, ad esempio, del fiume Senio. La delibera della Giunta regionale che ha approvato l’accordo di programma per la realizzazione delle casse di espansione del Senio risale al 2005. Sono passati più di 10 anni e ancora le opere non sono state completamente realizzate.

Per questo i consiglieri regionali Mirco Bagnari (primo firmatario) e Manuela Rontini hanno depositato un’interrogazione a risposta immediata: “Nel documento, che sarà discusso in aula nella mattina di martedì 25 ottobre – spiega Rontini – chiediamo nuovamente, chiarimenti e informazioni sullo stato dell’arte dei diversi passaggi necessari alla realizzazione delle casse di espansione del fiume Senio: un’opera essenziale per la sicurezza dell’ambiente e dei cittadini. Con l’interrogazione chiediamo anche informazioni sul progetto di qualificazione ambientale del sito, che riteniamo importante per la valorizzazione del nostro territorio”. Continua a leggere →

Condividilo:

Verso la mobilità del 2025

Rendere più agevoli, ma soprattutto sostenibili, gli spostamenti dei cittadini emiliani e romagnoli. E’ quanto si propone il Prit 2025, il Piano regionale integrato dei trasporti, che ha iniziato martedì scorso il suo percorso in Assemblea legislativa, con la presentazione in aula del documento preliminare da parte dell’assessore regionale Raffaele Donini.

“Del tema continueremo ad occuparci nella III Commissione assembleare, che presiedo – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – anche in relazione alla nuova legge urbanistica regionale. Per il momento l’Aula si è espressa sul documento con l’approvazione di un ordine del giorno, di cui sono firmataria, dove tra le altre cose si chiede alla Giunta regionale di potenziare il trasporto sostenibile, programmare azioni per migliorare la sicurezza stradale, prevedere l’integrazione tra i diversi livelli di pianificazione, completare il quadro infrastrutturale esistente e sostenere il trasporto pubblico locale”. Continua a leggere →

Condividilo:

L’Assemblea legislativa al Centro ricerche marine di Cesenatico

“Un presidio scientifico per il nostro mare Adriatico”.

Visita delle Commissioni assembleari "Politiche Economiche" e "Territorio Ambiente Mobilità" della Regione Emilia-Romagna al Centro Ricerche Marine di CesenaticoQuesta mattina abbiamo convocato la seduta della III Commissione ‘Territorio Ambiente Mobilità’, in congiunta con la II che si occupa di ‘Politiche economiche’, presso il Centro ricerche marine di ‪Cesenatico: un importante polo scientifico dedicato al controllo e allo studio del nostro mare.

Nato nel 1965 come Centro universitario di studi sulla fauna commestibile, con l’obiettivo di promuovere attività didattica e di ricerca sulla produzione ittica, ha progressivamente ampliato le sue competenze. Oggi è una fondazione iscritta negli elenchi del ministero della Salute come laboratorio autorizzato a svolgere attività di controllo sugli alimenti ed è nell’anagrafe nazionale degli istituti di ricerca del ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca. Le attuali attività di ricerca e monitoraggio sono prevalentemente rivolte alle risorse marine e ai controlli igienico-sanitari dei prodotti derivanti dalla pesca e dalla maricoltura. Nel 1993 è stato riconosciuto, dalla Comunità europea, Laboratorio nazionale di riferimento sulle ‪‎biotossine marine. Continua a leggere →

Condividilo: