Bando sulla partecipazione: fino a 15mila euro per ogni progetto

Dopo il via libera alla nuova legge regionale sulla Partecipazione, approvata dall’Assemblea legislativa il 17 ottobre, la Giunta ha subito varato un bando per il finanziamento dei progetti partecipativi. Il budget complessivo è di 446mila euro, con un tetto di 15mila euro per ciascun progetto.

Ci sarà tempo fino al 21 novembre per enti locali e associazioni, pubbliche e private, per presentare le proposte. Quest’anno la procedura sarà tutta on line, su una nuova piattaforma che la Regione mette a disposizione per semplificare la presentazione delle domande. Continua a leggere →

Condividilo:

Partecipazione dei cittadini alle politiche pubbliche, nuova legge in Emilia-Romagna

La partecipazione dei cittadini è linfa per la democrazia e non può, non deve, limitarsi alle urne. Per promuovere il contributo dei cittadini alle politiche pubbliche, rendendoli attivi e partecipi, la Regione Emilia-Romagna ha varato una nuova legge che prende il posto di quella in vigore dal 2010.

I processi partecipativi potranno essere chiesti da soggetti privati singoli o associati, per poi allargarsi nel percorso alle imprese e a tutti coloro che risiedono, studiano o soggiornano nel territorio. Questi processi saranno poi sottoposti a verifica e oggetto di una specifica sessione annuale dell’Assemblea legislativa. Continua a leggere →

Condividilo:

Fiumi e torrenti: pericoli da evitare o luoghi di incontro e confronto?

Presentata un’interrogazione per promuovere i Contratti di fiume, nuovi strumenti di partecipazione per programmare un futuro sostenibile.

foto_fiume LamoneAlla vigilia della presentazione presso l’Expo di Milano dei lavori del X Tavolo nazionale dei Contratti di fiume, che si terrà nelle giornate del 15 e 16 ottobre, la presidente della Commissione Territorio Ambiente Mobilità dell’Emilia-Romagna, Manuela Rontini, con un’interrogazione ha chiesto una convinta adesione della Regione alla “Carta nazionale dei Contratti di fiume”.

“Si tratta – spiega la consigliera regionale Rontini – di un insieme di regole e principi, condivisi a livello nazionale, a cui ispirarsi nella conduzione dei singoli Contratti di fiume locali. Grazie al coordinamento scientifico della segreteria tecnica del Ministero dell’Ambiente, al percorso di condivisione avviato dalla Commissione Ambiente e Energia della Conferenza delle Regioni e all’azione propositiva di tante Associazioni di tutela ambientale, questi strumenti stanno prendendo sempre più piede in Italia”. Continua a leggere →

Condividilo: