Soste forzate e treni stracolmi: interrogazione sulla linea Ravenna-Bologna

Disagi e ritardi, tra treni strapieni e corse soppresse. In attesa dei miglioramenti in arrivo un domani (col rinnovo della flotta su ferro entro l’anno) la Regione non può non occuparsi dell’oggi, un presente che vede i pendolari costretti a viaggiare su treni vecchi, carrozze sovraffollate e in orari che non coincidono con le esigenze di lavoro e studio.

Sul tema, la consigliera regionale Manuela Rontini ha presentato una nuova interrogazione alla Giunta, dopo i disagi segnalati il 26 febbraio scorso nella stazione di Lugo, con un treno fermo mezz’ora causa sovraffollamento.

Continua a leggere →
Condividilo:

Disagi sui treni tra l’Italia e Lourdes, chiesto l’intervento della Regione

Più che un pellegrinaggio, una via crucis. Nel giro di pochi anni il viaggio in treno dei pellegrini diretti a Lourdes, già lungo e non facile per i malati, si è fatto simile alla strada per il Calvario. Oggi, infatti, per raggiungere Lourdes da Milano occorrono circa 25 ore, 10 in più rispetto a pochi anni fa.

Per questo in Assemblea legislativa è stata depositata una risoluzione sul tema: “I tempi di viaggio dilatati all’inverosimile – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini, firmataria del documento – sono dovuti a continui ritardi, soste che durano ore, in stazioni secondarie francesi o in piena campagna transalpina, sotto il sole cocente o il gelo invernale, per dare la precedenza ai treni superveloci. A questi si aggiungono le poche informazioni, giustificazioni poco credibili, gli aumenti costanti delle tariffe, oltre alle corse sempre meno frequenti, passate da 130 a 32 nel giro di cinque anni. Per questo chiediamo un impegno esplicito della Giunta nei confronti di Trenitalia, sollecitando le ferrovie a mettere mano ai problemi che angustiano i pellegrini”. Continua a leggere →

Condividilo:

Una carta elettronica per i pendolari emiliani e romagnoli

Oggi è un comodo borsellino elettronico, una carta contactless in grado di gestire diversi abbonamenti al trasporto pubblico, su ferro e gomma. Un domani si arricchirà di nuovi servizi utili mentre da settembre, grazie all’impegno della Regione Emilia-Romagna, si trasformerà in un asso pigliatutto, con l’obiettivo di spostare fior di pendolari dalle auto ai mezzi pubblici.

Si tratta di “Unica Emilia-Romagna”, nuova carta presentata questa mattina a Bologna nella sede di Rete ferroviaria italiana, alla presenza dell’amministratore delegato di Trenitalia Orazio Iacono, dell’assessore regionale ai Trasporti Raffaele Donini, della presidente di Tper Giuseppina Gualtieri, oltre ai rappresentanti delle aziende di trasporto locali.

Su di “Unica Emilia-Romagna”, in distribuzione da oggi in 13 biglietterie regionali, sarà possibile caricare da subito il proprio abbonamento Trenitalia e i titoli integrati Mi Muovo. In futuro vi si potranno caricare anche biglietti di corsa semplice, avendo pure accesso a servizi di auto o bici condivise, oltre ad abbonamenti di altri gestori (come Atm Milano, per i pendolari che gravitano sul capoluogo lombardo). Continua a leggere →

Condividilo:

Patto per il trasporto pubblico: due miliardi di investimenti

Firmato un accordo tra Regione, enti locali, gestori e utenti per il nuovo Tpl regionale

Un trasporto pubblico a misura di cittadino, più accessibile, economico, comodo. È l’obiettivo che si sono dati gli enti locali emiliani e romagnoli, la Regione, le società di gestione del Tpl firmando oggi a Bologna, alla presenza del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio, il “Patto per il trasporto pubblico regionale e locale per il triennio 2018-2020”.

Si tratta di una riforma condivisa e complessiva che prevede impegni e investimenti a carico di ogni firmatario, per arrivare a ridisegnare sia il settore ferroviario che quello dei bus urbani. Una realtà, quella del trasporto pubblico locale, che interessa oltre un milione di passeggeri al giorno (850mila su gomma e 150mila su ferro) e 7.230 lavoratori in aziende che, insieme, hanno un fatturato annuo di 650 milioni euro. Continua a leggere →

Condividilo:

Più puntualità e sicurezza sui binari romagnoli

Interrogazione alla Giunta per migliorare le condizioni delle tratte Rimini-Ravenna-Bologna e Ancona-Bologna

Maggiore puntualità, informazioni esatte, condizioni di viaggio adeguate e sicure, in special modo nelle tratte ferroviarie che collegano la Romagna a Bologna. A chiederlo, con un’interrogazione alla Giunta, sono i consiglieri regionali del Pd Manuela Rontini e Mirco Bagnari.

Rispetto a qualche tempo fa qualche miglioramento c’è stato, ma la strada da fare è ancora molta. Ad oggi in regione circolano 910 treni ogni giorno per 45 milioni e mezzo di passeggeri trasportati ogni anno. Secondo recenti dati di monitoraggio sul sistema ferroviario il quadro è in costante miglioramento, grazie anche all’investimento di quasi 500 milioni di euro messo in atto a partire dal 2007 per l’acquisto di nuovi treni e lavori all’infrastruttura.

“Nonostante questo però – rileva Manuela Rontini, presidente della commissione Mobilità della Regione – permangono problematiche che spesso si traducono in un disagio continuato nel tempo. In particolare, le linee che collegano la costa al capoluogo come la Rimini-Ravenna-Bologna e la Ancona-Bologna, sono soggette pressoché ogni giorno a piccoli o grandi ritardi”. Continua a leggere →

Condividilo:

Disagi sulla rete ferroviaria e autostradale per pochi centimetri di neve

Presentato un documento che chiede di prevenire analoghe difficoltà in futuro

“Pochi centimetri di neve e il traffico tra Emilia e Romagna è andato in tilt, sia quello autostradale sia quello ferroviario” stigmatizza la consigliera regionale Manuela Rontini, prima firmataria di un’interrogazione condivisa con altri colleghi.

“Lunedì 13 novembre si sono avute code interminabili, soppressioni e ritardi pesantissimi dei treni di cui hanno, giustamente, dato risalto anche le pagine dei quotidiani locali. In più, nonostante l’anticipazione dell’obbligo di pneumatici invernali o di catene a bordo, la chiusura già dalla tarda mattinata, di tutti i caselli autostradali tra Forlì e Bologna ha prodotto un blocco esasperante sia per gli automobilisti sia per gli autotrasportatori che ha comportato anche ingenti perdite economiche. Alcuni comuni della nostra Regione, come Castel Bolognese, Faenza, Imola e Castel San Pietro Terme, tutti attraversati dalla via Emilia, hanno vissuto pesanti disagi a causa del riversarsi del traffico autostradale nelle strade urbane con difficoltà nell’attraversamento cittadino. I sindaci non erano stati informati della chiusura dei caselli autostradali, quindi le difficoltà nella gestione di un traffico di per sé straordinario sono state moltiplicate esponenzialmente”. Continua a leggere →

Condividilo:

Biglietteria di stazione aperta solo il lunedì? La politica si mobilita per Lugo

Interrogazione in Regione per uno scalo ferroviario che è punto di riferimento per la Bassa Romagna

Da cinque giorni di apertura settimanali a uno solo, il lunedì, dalle 6,30 alle 13,30. Sono i nuovi orari della biglietteria della stazione ferroviaria di Lugo, che viaggiatori e pendolari hanno trovato riportati in un cartello apparso in questi giorni. La misura dovrebbe scattare dal prossimo sei novembre: “Si tratta di una notizia difficile da digerire e che per di più, dopo aver colto alcune indiscrezioni, si inserisce in un’azione più ampia da parte di Trenitalia. Pare infatti che vogliano chiudere anche altre biglietterie in Emilia-Romagna” commenta la consigliera regionale Manuela Rontini, autrice con il collega Bagnari di un’interrogazione alla Giunta su questo tema.

“Per questo ci siamo immediatamente attivati per depositare un documento con il quale chiediamo alla Regione di approfondire la questione e se intenda attivarsi, nei confronti di Trenitalia, per chiedere di sospendere e riconsiderare il piano di chiusura delle biglietterie delle stazioni ferroviarie in Emilia-Romagna, trovando soluzioni alternative che tutelino maggiormente i viaggiatori”. Continua a leggere →

Condividilo:

Ferrovie del ravennate da valorizzare

Interrogazione alla Giunta regionale per avviare un percorso di turismo consapevole e sostenibile

Valorizzare le linee ferroviarie secondarie è possibile, con ricadute positive tanto per i residenti nelle zone attraversate quanto sul turismo slow. Un esempio positivo, in questo senso, è la ferrovia Faentina che corre tra la città manfreda e Borgo San Lorenzo arrivando a Firenze. Da quando, a fine anni ’90, è stato ripristinato il tratto che passa per Vaglia (FI), sono aumentati i passeggeri e si è tornati a ragionare di ulteriori investimenti in chiave turistica.

Il “turismo lento”, ossia l’approccio consapevole e sostenibile a luoghi che si trovano al di fuori dei tradizionali itinerari turistici, passa anche per il recupero delle linee ferroviarie dismesse, sospese o poco utilizzate, che spesso si connotano per il particolare pregio naturalistico, storico o archeologico.

Su questo tema i consiglieri regionali Pd Manuela Rontini e Mirco Bagnari (primo firmatario) hanno presentato alla Giunta regionale un’interrogazione per sapere: “quali siano nel territorio ravennate le tratte di pregio dismesse o in dismissione e se la Giunta intenda aprire un dialogo col ministero per i Beni culturali e ambientali affinché sia possibile inserire nel relativo elenco quelle di maggior pregio”. Continua a leggere →

Condividilo:

Verso la mobilità del 2025

Rendere più agevoli, ma soprattutto sostenibili, gli spostamenti dei cittadini emiliani e romagnoli. E’ quanto si propone il Prit 2025, il Piano regionale integrato dei trasporti, che ha iniziato martedì scorso il suo percorso in Assemblea legislativa, con la presentazione in aula del documento preliminare da parte dell’assessore regionale Raffaele Donini.

“Del tema continueremo ad occuparci nella III Commissione assembleare, che presiedo – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – anche in relazione alla nuova legge urbanistica regionale. Per il momento l’Aula si è espressa sul documento con l’approvazione di un ordine del giorno, di cui sono firmataria, dove tra le altre cose si chiede alla Giunta regionale di potenziare il trasporto sostenibile, programmare azioni per migliorare la sicurezza stradale, prevedere l’integrazione tra i diversi livelli di pianificazione, completare il quadro infrastrutturale esistente e sostenere il trasporto pubblico locale”. Continua a leggere →

Condividilo:

I pendolari della Faenza-Lugo-Lavezzola meritano un servizio degno di questo nome

Alba in pianura

Ci sono linee di trasporto ‘minori’ solo sulla carta, non certo per i cittadini costretti a servirsene ogni giorno. È il caso della Faenza-Lugo-Lavezzola, una piccola ferrovia statale che vede circolare, nei suoi 40 chilometri, appena 4 treni nei giorni feriali lungo l’intero percorso. Il resto del servizio è affidato a 13 corse di autobus sostitutivi, con gli inevitabili disagi che questo mezzo comporta: nessuna corsia preferenziale, traffico, code ai semafori, tempi di percorrenza oltremodo dilatati.

E dire che la linea costituisce un importante raccordo tra Faenza (sull’Adriatica e Faentina), Lugo (snodo ferroviario tra Ravenna, Castel Bolognese e Faenza) e Lavezzola (sulla Rimini-Ferrara), servendo comuni di 10mila abitanti come Massa Lombarda e Conselice. Le possibilità di uno sviluppo del servizio ci sarebbero tutte, eppure la linea viene lasciata vivacchiare. Continua a leggere →

Condividilo: