Più puntualità e sicurezza sui binari romagnoli

Interrogazione alla Giunta per migliorare le condizioni delle tratte Rimini-Ravenna-Bologna e Ancona-Bologna

Maggiore puntualità, informazioni esatte, condizioni di viaggio adeguate e sicure, in special modo nelle tratte ferroviarie che collegano la Romagna a Bologna. A chiederlo, con un’interrogazione alla Giunta, sono i consiglieri regionali del Pd Manuela Rontini e Mirco Bagnari.

Rispetto a qualche tempo fa qualche miglioramento c’è stato, ma la strada da fare è ancora molta. Ad oggi in regione circolano 910 treni ogni giorno per 45 milioni e mezzo di passeggeri trasportati ogni anno. Secondo recenti dati di monitoraggio sul sistema ferroviario il quadro è in costante miglioramento, grazie anche all’investimento di quasi 500 milioni di euro messo in atto a partire dal 2007 per l’acquisto di nuovi treni e lavori all’infrastruttura.

“Nonostante questo però – rileva Manuela Rontini, presidente della commissione Mobilità della Regione – permangono problematiche che spesso si traducono in un disagio continuato nel tempo. In particolare, le linee che collegano la costa al capoluogo come la Rimini-Ravenna-Bologna e la Ancona-Bologna, sono soggette pressoché ogni giorno a piccoli o grandi ritardi”. Continua a leggere →

Condividilo:

Neomaggiorenni in Interrail per toccare con mano l’Europa vera

Generazioni di giovani hanno scoperto i paesi europei grazie alle rotaie, viaggiando in Interrail. Un programma che permetteva agli under 26, e da qualche tempo a tutti, di scoprire il vecchio continente saltando da un treno all’altro.

Nonostante la concorrenza dei voli a basso costo, questa tessera nata nel 1972 continua a crescere, passando dai 100mila biglietti venduti nel 2005 ai 250mila del 2015.

E potrebbe espandersi ulteriormente, puntando sui più giovani: “In un’Europa in cui si mette in discussione una conquista epocale come la libertà di circolazione dei cittadini – spiega la consigliera regionale Manuela Rontini – diventa ancora più importante coinvolgere i giovani, mettendoli a diretto contatto con i frutti concreti dell’integrazione comunitaria. Viaggiare in Interrail, da un paese all’altro dell’Unione e non solo, aiuta a maturare una identità europea”. Continua a leggere →

Condividilo:

Linea Faenza-Lavezzola: non servono nuovi abbonamenti

Sono cambiate, e in meglio, le modalità del servizio sulla linea Faenza-Lavezzola, ma una comunicazione carente ha causato qualche difficoltà agli studenti e ai pendolari che ogni giorno viaggiano su quel percorso, in treno o in autobus.

Tanto che, al ritorno dalle vacanze natalizie, gli utenti hanno trovato alcune fermate di bus spostate, mentre il passaggio di gestione dei bus integrativi (da Trenitalia al consorzio Mete) ha aggiunto ulteriori dubbi sul fronte dei biglietti e degli abbonamenti.

Per vederci chiaro, i consiglieri regionali Mirco Bagnari (primo firmatario) e Manuela Rontini hanno presentato alla Giunta una interrogazione a risposta immediata: “Non è la prima volta che ci troviamo ad intervenire su questo problema – precisa Manuela Rontini, presidente della commissione Mobilità dell’Assemblea legislativa – tanto che l’atto depositato è stato preceduto da un’altra interrogazione e dall’audizione in Commissione, da me richiesta, dell’Assessore Donini”. Continua a leggere →

Condividilo:

A confronto sui progetti di mobilità di Castel Bolognese

castelbolognese_3544Una visita sul campo per verificare le criticità trasportistiche di uno dei principali snodi viari della provincia di Ravenna: Castel Bolognese. A effettuarla, nei giorni scorsi, è stato l’assessore regionale alla Mobilità Raffaele Donini, accompagnato dalla consigliera regionale Manuela Rontini, presidente della commissione Territorio Ambiente e Mobilità dell’Assemblea legislativa.

Gli esponenti della Regione hanno incontrato il sindaco Daniele Meluzzi, confrontandosi con il primo cittadino su vari progetti che riguardano la viabilità e la mobilità nel comune castellano. Continua a leggere →

Condividilo:

Due nuovi Vivalto per i pendolari emiliani e romagnoli

Vivalto Emilia-RomagnaDue nuovi treni Vivalto a doppio piano sull’asse ferroviario Piacenza-Rimini, spina dorsale del pendolarismo su ferro dell’Emilia-Romagna.

I treni sono stati consegnati oggi, venerdì 20 maggio, e circoleranno a partire dalla settimana prossima. Saranno impiegati negli orari più critici come, ad esempio, la corsa delle 18,35 da Bologna per la Romagna.

“Si tratta di un “antipasto” dei 75 nuovi mezzi previsti dalla Gara del Ferro per il 2019 – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini, presidente della commissione Territorio, Ambiente e Mobilità all’Assemblea legislativa – e non certo l’unico. A questi due treni, infatti, si aggiungerà un terzo Vivalto nel mese di luglio, altri due entro febbraio 2017 ed ulteriori tre Vivalto entro maggio 2017″. Continua a leggere →

Condividilo:

I pendolari della Faenza-Lugo-Lavezzola meritano un servizio degno di questo nome

Alba in pianura

Ci sono linee di trasporto ‘minori’ solo sulla carta, non certo per i cittadini costretti a servirsene ogni giorno. È il caso della Faenza-Lugo-Lavezzola, una piccola ferrovia statale che vede circolare, nei suoi 40 chilometri, appena 4 treni nei giorni feriali lungo l’intero percorso. Il resto del servizio è affidato a 13 corse di autobus sostitutivi, con gli inevitabili disagi che questo mezzo comporta: nessuna corsia preferenziale, traffico, code ai semafori, tempi di percorrenza oltremodo dilatati.

E dire che la linea costituisce un importante raccordo tra Faenza (sull’Adriatica e Faentina), Lugo (snodo ferroviario tra Ravenna, Castel Bolognese e Faenza) e Lavezzola (sulla Rimini-Ferrara), servendo comuni di 10mila abitanti come Massa Lombarda e Conselice. Le possibilità di uno sviluppo del servizio ci sarebbero tutte, eppure la linea viene lasciata vivacchiare. Continua a leggere →

Condividilo:

Nuovi treni per i pendolari, aspettando il rinnovo totale della flotta

conferenzastampa-treniIn un futuro prossimo, tra meno di tre anni, i treni regionali dell’Emilia-Romagna saranno rinnovati radicalmente nei materiali, grazie alla ‘Gara del ferro’ bandita dalla Regione e aggiudacata dal consorzio Tper-Trenitalia, a luglio scorso. E, per i pendolari, i convogli anni ’80 che circolano oggi saranno solo un pallido ricordo.

In attesa che si concretizzi quel maxi investimento, da 750 milioni di euro, la Regione non è stata però con le mani in mano. Già nei prossimi mesi entreranno in servizio alcuni nuovi treni, mentre entro il prossimo anno saranno 22 i nuovi mezzi in circolazione sui binari regionali (per una spesa di 150 milioni di euro).

Un assaggio di questo antipasto è stato concesso oggi al pubblico, in stazione centrale a Bologna, con la presentazione di 2 diversi treni di ultima generazione, alla presenza del presidente Stefano Bonaccini e del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio.

Si tratta di un Etr 350 (modello Flirt prodotto da Stadler, velocità massima 160 chilometri orari), destinato a Tper, e della nuova versione dei Vivalto di Trenitalia (stessa velocità massima dei Flirt ma con il doppio dei posti a sedere, 594 contro 265). Tutti i treni sono climatizzati e attrezzati per il trasporto di bicilette e disabili.  Continua a leggere →

Condividilo:

Interramento dei binari a Ferrara: ridurre i disagi per i residenti

passaggio a livello

Doveva trattarsi di una deviazione temporanea, due o tre anni al massimo di sofferenza per poi dire addio al rumore dei treni di passaggio e all’inquinamento delle auto ferme ai passaggi a livello. Invece l’interramento del tratto urbano della ferrovia a Ferrara si sta trascinando da più di quattro anni e, a causa dei fallimenti o delle rinunce delle diverse ditte incaricate, non vede ancora la luce in fondo al tunnel.

Nel frattempo le soluzioni temporanee, pensate per una durata dei lavori medio-breve, stanno cominciando a mostrare i loro limiti. Per permettere la costruzione di un tratto sotterraneo di ferrovia, comune alle linee Ferrara-Ravenna (Rfi-Fs) e Ferrara-Codigoro (Fer), tutti i treni di queste linee, dal 2011, percorrono l’ultimo segmento della vecchia linea Ferrara-Codigoro. Una soluzione possibile grazie alla realizzazione di una bretella che devia i treni da e per Ravenna sulla linea di Fer all’altezza di Bivio Rivana verso Foro Boario. In questo modo, però, il binario già presente è passato da un sonnacchioso traffico, pari ad una ventina di convogli al giorno, ad un numero di transiti quadruplicato. Continua a leggere →

Condividilo: