Contributo bollo auto ibride: richieste pronte al via

È finalmente pronto il portale web, annunciato nel febbraio scorso, per chiedere un contributo pari al valore del bollo per le auto ad alimentazione ibrida.

Potranno fare richiesta del beneficio, valido per tre anni, tutti i residenti in Emilia-Romagna che acquistano nel corso del 2018 una nuova auto ibrida (fino a 9 posti), con alimentazione benzina-elettrica, gasolio-elettrica, gpl-elettrica, metano-elettrica o benzina-idrogeno. La piattaforma web sarà attiva dal pomeriggio del 3 maggio fino a fine anno.

Non si tratta di un’esenzione del bollo (che dovrà comunque essere pagato dal proprietario dell’auto) ma di un riaccredito della somma a seguito della registrazione online, con i propri dati anagrafici, quelli bancari e dell’auto. Continua a leggere →

Condividilo:

Auto ibrida? L’Emilia-Romagna toglie il bollo per tre anni

Un sostegno regionale diretto a chi sceglie un mezzo di trasporto amico dell’ambiente: fino a 191 euro (pari al costo del bollo medio) ogni anno, per tre anni, agli acquirenti di un’auto ibrida.

L’incentivo, che sarà accreditato direttamente dopo una registrazione web, è riservato ai residenti nel territorio che acquisteranno un’auto ibrida nel 2018 (di prima immatricolazione) e alle 7mila persone che l’hanno già fatto nel corso del 2017.

“Se fino a qualche anno fa le auto ibride o quelle elettriche potevano essere considerate una scelta bizzarra, di nicchia, ormai non è più così – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini, presidente della commissione ‘Territorio Ambiente e Mobilità’ dell’Assemblea legislativa –. La crescita delle immatricolazioni di questi veicoli è stata costante negli anni, passando dalle quasi 2800 macchine del 2015 alle oltre 7000 del 2017. Un trend importante e da sostenere, per contare su nuovi alleati nella lotta quotidiana alle polveri sottili e all’inquinamento in genere”. Continua a leggere →

Condividilo:

Il rombo dei motori nelle aule universitarie

C’è chi parla in astratto di far collaborare le università e le imprese, e chi invece crea sinergie importanti tra mondo accademico e mondo produttivo, con il valore aggiunto di un legame profondo con la vocazione del territorio.

In Emilia-Romagna, terra di motori, il connubio ideale è avvenuto tra i marchi più prestigiosi dell’automobilismo mondiale (Lamborghini, Dallara, Ducati, Ferrari, Haas F1 Team, Magneti Marelli, Maserati e Toro Rosso) e le quattro Università regionali.

Il progetto di due lauree magistrali di Ingegneria per il settore automobilistico avanzato, unico a livello internazionale, è stato voluto dalla Regione Emilia-Romagna e prevede un hub per l’alta formazione chiamato Motorvehicle University of Emilia-Romagna (Muner).

“In questo progetto, che chiama i giovani talenti italiani e stranieri a sviluppare il futuro del settore automobilistico gomito a gomito con i big del settore – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – è parte attiva anche la casa faentina Toro Rosso. Un motivo di ulteriore orgoglio e soddisfazione in un progetto unico, che ambisce a proiettare nel futuro le tradizioni automobilistiche e sportive del territorio regionale, dando concrete prospettive occupazionali agli ingegneri di domani, capaci di progettare veicoli stradali e da competizione, sistemi di propulsione sostenibili e sottosistemi avanzati”. Continua a leggere →

Condividilo: