Bonifica dell’amianto dai luoghi di lavoro, in arrivo nuovi contributi regionali

Domande semplificate per accedere ai contributi mirati a rimuovere l’amianto dai luoghi di lavoro. Si tratta di finanziamenti per 3,3 milioni di euro in arrivo dalla Regione, per metà a fondo perduto e per l’altra metà al tasso agevolato dell’0,50 per cento da restituire in cinque anni.

“Con questi nuovi stanziamenti, una delle diverse azioni previste dal Piano amianto che abbiamo approvato in Assemblea legislativa nel 2017 – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – la Regione supera i 12 milioni di euro messi a disposizione delle imprese dall’inizio della legislatura. Un sostegno che ha già permesso interventi in 453 imprese e che, con questa nuova tornata, permetterà di rendere più sicuri altri immobili destinati alle attività produttive, agricole, terziarie o commerciali”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Amianto, aggiornato il Piano della Regione: sicurezza al primo posto

Da prodotto ‘miracoloso’ a materiale messo al bando perché cancerogeno in forma friabile. L’amianto è ormai caduto in disgrazia da 25 anni, ma la sua grande diffusione ha reso le operazioni di bonifica straordinariamente lunghe. Negli ultimi 15 anni la Regione ha investito quasi 29 milioni di euro per interventi di bonifica, tanto che oggi l’amianto risulta rimosso del tutto nel 70 per cento dei siti mappati. E nel 30 per cento rimanente è comunque in sicurezza.

Ora un nuovo Piano regionale rinnova l’impegno pubblico su questo fronte. L’approccio della Regione Emilia-Romagna all’amianto si muove tra prevenzione e cura, secondo una prassi consolidata. Da un lato prosegue la bonifica dei fabbricati dove questo materiale è ancora presente (con 3 milioni di euro per il solo 2018), dall’altro aumenta l’impegno sul versante sanitario, con l’istituzione di una rete regionale per la presa in carico dei pazienti affetti da mesotelioma pleurico. Questi ultimi saranno presi in carico in modo globale, fornendo loro la migliore assistenza sia in ospedale che sul territorio con supporto medico-legale e psicologico. A questo fine, tutti gli archivi dei lavoratori attualmente o precedentemente esposti all’amianto saranno messi a sistema. Continua a leggere →

Condividilo:

Verso il nuovo Piano amianto regionale

Prevenzione e cura: l’approccio all’amianto della Regione Emilia-Romagna si muove secondo una prassi consolidata ma con rinnovata dedizione. Da un lato continua lo sforzo di bonifica dei fabbricati dove questo materiale (cancerogeno in forma friabile) è ancora presente, dall’altro cresce l’impegno sul versante sanitario, con l’istituzione di una rete regionale per la presa in carico dei pazienti affetti da mesotelioma pleurico.

Sono alcuni degli obiettivi del nuovo Piano Amianto regionale, ormai in fase di ultimazione dopo un lungo confronto, che adotta un approccio trasversale fra ambiente, salute e lavoro.

Negli ultimi 10 anni la Regione ha destinato oltre 18 milioni di euro di contributi a pubblici e privati per la bonifica dell’amianto (al bando in Italia dal 1992), risanando tra l’altro anche 72 istituti scolastici. A seguito del terremoto del 2012 ci sono state inoltre 6500 tonnellate di macerie contenenti amianto rimosse e smaltite. Continua a leggere →

Condividilo:

Ambienti di lavoro più sicuri: via l’amianto dalle imprese

9 milioni di euro di eco-incentivi per le imprese che rimuovono e smaltiscono l’amianto presente nei luoghi lavoro. Click day il 23 settembre, con la prenotazione online delle domande di contributo.

AmiantoSono in arrivo 9 milioni di euro di eco-incentivi per le imprese che rimuovono e smaltiscono l’amianto presente nei luoghi lavoro. Le risorse, messe a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna attraverso un bando, puntano alla qualificazione ambientale e alla tutela dei lavoratori.

A partire dal prossimo 23 settembre, collegandosi al portale regionale Ambiente, le imprese potranno effettuare la prenotazione online della domanda di contributo per accedere agli incentivi previsti dal Piano di azione ambientale.

L’iniziativa, già sperimentata con successo negli anni scorsi, ha l’obiettivo di sostenere l’impegno di quelle aziende che mostrano di voler riqualificare il proprio ambiente di lavoro attraverso la rimozione di coperture o coibentazioni contenenti cemento-amianto.

“Si tratta di un bando molto atteso, – spiega Manuela Rontini, Presidente della Commissione regionale Territorio Ambienteche risponde ad una precisa richiesta degli imprenditori e delle aziende della provincia di Ravenna, per contribuire a rilanciare una crescita sostenibile ed intelligente. La Regione punta così a due obiettivi molto importanti: incentivare quelle imprese che vogliono migliorare la salubrità del proprio insediamento produttivo e dunque aumentare la sicurezza dei lavoratori, da una parte; rimettere in moto l’economia locale, privilegiando gli interventi volti ad uno sviluppo davvero compatibile con l’ambiente, dall’altra”. Continua a leggere →

Condividilo: