Rimborsi alle imprese colpite dal maltempo: basta burocrazia

Non un ritardo come tanti, ma la differenza tra la vita e la morte di molte aziende e del sistema che dovrebbe tutelarle: “La burocrazia ha causato una diminuzione del numero e del valore delle imprese assicurate contro i danni alle coltivazioni prodotti dal maltempo – stigmatizza la consigliera regionale Manuela Rontini – a causa dei ritardi maturati dai rimborsi del 2015. Per questo con il collega Mirco Bagnari, primo firmatario, ho presentato una risoluzione per impegnare la Giunta a superare gli intoppi attuali, che rischiano di far saltare il sistema”.

Nel documento si chiede che la Giunta si attivi “in ogni sede opportuna perché siano superati rapidamente gli ostacoli che causano gli insostenibili ritardi nell’erogazione dei fondi”. Ad oggi, infatti, dei 250 milioni stanziati nel 2015 (su risorse dell’Unione europea) solo il 40 per cento risulta erogato alle imprese, mentre nulla è arrivato sui due anni successivi. Continua a leggere →

Condividilo:

Erboristi, professionalità importanti da mantenere

Innovare senza penalizzare, anche nel campo delle piante officinali. Questo il senso di una risoluzione presentata in Assemblea legislativa per chiedere alla Giunta di intervenire a tutela della figura dell’erborista, professionalità messa a rischio da un decreto legislativo (che deve ancora passare al vaglio della conferenza Stato-Regioni) mirato a liberalizzare la coltivazione, la raccolta e il commercio delle piante officinali. Continua a leggere →

Condividilo:

Nuova legge urbanistica: riqualificare anziché cementificare

Il provvedimento punta su consumo di suolo a saldo zero, mette un freno alle espansioni, investe sulla rigenerazione urbana

Manuela Rontini interviene in Aula sulla nuova legge urbanistica regionaleUn percorso lungo e complesso per una legge dagli obiettivi ambiziosi. Il confronto con i territori, cittadini, forze economiche e parti sociali sulla legge di riforma dell’Urbanistica regionale è durato più di due anni. Tanto tempo, ma necessario per voltare pagina a 17 anni di distanza dalla precedente legge di settore, retaggio di un’altra era storica.

Tra le finalità della legge c’è quella di evitare il consumo di ulteriore suolo, bene sempre più prezioso, puntando piuttosto sulla riqualificazione degli edifici esistenti. Vengono poi semplificate le norme, senza banalizzazioni, e favorite la legalità e la trasparenza.

“Uno dei compiti principali del piano urbanistico è sempre stato quello di regolare la crescita urbana – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – mentre oggi, al contrario, la richiesta che emerge è quella di un piano che riqualifichi quanto già c’è, che migliori le condizioni di vita e funzionamento della città costruita, che dia nuove prospettive al riuso di aree ed edifici che hanno perso le loro funzioni, che contrasti processi di degrado, marginalizzazione e perdita di valori, anche economici. Quindi quello che viene chiesto all’urbanistica è un cambio radicale, che deve vedere modificato non solo l’approccio del settore privato ma anche il ruolo della pubblica amministrazione che, per affermare davvero la rigenerazione urbana, oltre ad assumere il compito di ‘regolatore’ deve divenire ‘promotore’ dei processi di trasformazione. È quello che, lo credo fermamente, faremo proprio grazie alla nuova legge”. Continua a leggere →

Condividilo:

Castagneti e boschi a rischio, serve un intervento della Regione

Presentata un’interrogazione sul tema. Urge un confronto con gli agricoltori che, a causa del maltempo, rischiano danni anche alle produzioni dei prossimi anni

CastagneNon si arrestano le difficoltà dei castanicoltori. Dopo lunghi anni passati a lottare contro la vespa cinese del castagno, che ha messo in ginocchio molti agricoltori, oggi è il maltempo a sferrare un duro colpo agli alberi di castagne e, con esse, a molti altri alberi importanti per la difesa del suolo.

“Le precipitazioni nevose di metà novembre, soprattutto nelle foreste dell’Alto Senio e dell’Alto Lamone oltre che nelle valli del Santerno e del Sillaro, hanno comportato la caduta di rami e alberi, anche lungo la viabilità comunale e forestale. Si è posto quindi il problema, ancora non completamente risolto nelle aree più isolate, legato alla rimozione di tronchi, rami e schegge. In più sono gravi i danni subiti dai castagneti, presenti prevalentemente proprio in quella fascia altimetrica” riporta Manuela Rontini. Continua a leggere →

Condividilo:

Contro la siccità, 18 milioni di euro in arrivo dalla Regione

Pubblicati due bandi per la realizzazione di nuovi invasi che garantiscano le riserve d’acqua

L’acqua è vita e i cambiamenti climatici in atto mettono a rischio questa preziosa risorsa. Per garantire alle aziende agricole adeguate riserve idriche per l’irrigazione dei campi, qualora scarseggino per lungo tempo le precipitazioni, la Regione ha approvato due bandi da 18 milioni di euro per la realizzazione o l’ampliamento di invasi per lo stoccaggio dell’acqua piovana.

“L’estate appena trascorsa passerà agli annali come una delle più torride e avare di piogge di sempre – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – e i cambiamenti climatici in corso non fanno ben sperare per il futuro. Tra le tante azioni che si possono mettere in atto per risparmiare quel prezioso oro blu che è l’acqua, la creazione di invasi è assai importante dato che assicura continuità alle produzioni agricole. Si tratta di un sostegno che prosegue, il nostro, dato che la Regione già con il precedente Psr aveva stanziato quasi 8 milioni di euro che hanno permesso di realizzare 15 invasi, con una rete distributiva di oltre 190 chilometri. Questi nuovi bandi approvati dalla Giunta, con risorse per 18 milioni di euro, garantiscono un sostegno importante ad aziende e consorzi di bonifica, coprendo in certi casi la totalità dei costi e in altri fino al 60 per cento delle spese”. Continua a leggere →

Condividilo:

Dalla Regione 480mila euro a sostegno dell’apicoltura

Le api, insetti importantissimi per il futuro dell’uomo, restano in pericolo. Ma negli ultimi anni l’interesse per l’apicoltura è aumentato e il settore mostra segnali incoraggianti. Per sostenere questa crescita la Regione ha stanziato 480mila euro (risorse per metà statali e metà comunitarie), destinati prioritariamente ai giovani apicoltori, alle produzioni biologiche o integrate, alla formazione professionale degli operatori.

“Si tratta di un impegno che si inserisce nel solco di quanto già attuato negli anni scorsi – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – e che continuerà negli anni a venire. Il Programma triennale 2017-2019 per il miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell’alveare, infatti, ha una dotazione complessiva di circa 2 milioni di euro. Un sostegno che non si limita a incoraggiare produzioni di qualità, ma che ha utili ricadute sull’impollinazione di altre produzioni e contribuisce alla tutela della biodiversità, un tema vitale per il futuro del pianeta”. Continua a leggere →

Condividilo:

Contributi per avere la botte piena e la vigna inebriata

Innovazione e investimenti per migliorare la qualità dei vini regionali, un comparto importante per l’economia emiliana e romagnola. A questo proposito la Regione ha previsto 18,4 milioni di euro da distribuire per mezzo di due bandi (in attuazione dell’Ocm vinicolo): uno per la ristrutturazione o riconversione dei vigneti, legandoli ancora di più al territorio, l’altro finalizzato agli investimenti legati alla produzione e vendita.

Il primo, in scadenza il 30 giugno, mette a disposizione dei produttori vitivinicoli 14,4 milioni di euro di aiuti nella campagna 2017-2018 per proseguire nell’opera di ristrutturazione o riconversione dei vigneti. L’obiettivo è quello di rafforzare l’identità delle produzioni Dop e Igp e il legame con il territorio, favorire l’ammodernamento degli impianti e l’aumento di competitività delle produzioni regionali, anche attraverso il ricorso alla meccanizzazione delle operazioni colturali e alla realizzazione di moderni sistemi di irrigazione. Continua a leggere →

Condividilo:

Batteriosi del kiwi, servono urgenti misure di contrasto

La Regione adotti con urgenza ulteriori misure per contrastare in modo efficace la batteriosi del kiwi (Pseudomonas syringae pv actinidiae, o cancro batterico) e per sostenere economicamente gli agricoltori i cui frutteti saranno colpiti da questa malattia: “Imprenditori che, oltre a perdere la produzione annuale, subiranno l’ulteriore danno derivante dall’abbattimento delle piante infette”.

Lo chiede la consigliera regionale Manuela Rontini in un’interrogazione rivolta alla Giunta, facendosi interprete dell’allarme lanciato dai coltivatori romagnoli, faentini in testa, per una nuova possibile diffusione della malattia facilitata dalle condizioni climatiche dell’inverno trascorso: “Dopo l’individuazione, nel 2008, della malattia in territorio italiano, e i picchi del 2013 con ben 100 ettari di coltivazioni estirpate in quel solo anno, il problema sembrava ormai sotto controllo. Questo grazie allo scrupolo degli agricoltori nell’esecuzione della profilassi e nella messa in atto degli accorgimenti colturali suggeriti dagli esperti. Oggi, però, siamo di fronte ad una recrudescenza del fenomeno, con un 15-20 per cento di piante colpite nei filari di kiwi attaccati dalla batteriosi, secondo le osservazioni in campo condotte nei primi mesi dell’anno”. Continua a leggere →

Condividilo:

Quasi 29 milioni di euro per i giovani agricoltori

Al via il terzo bando per gli imprenditori agricoli emiliani e romagnoli under 40: fondi per nuove imprese e investimenti.

Braccia da portare all’agricoltura: la Regione punta sui giovani e si impegna per favorire il ricambio generazionale nei campi. Lo fa attraverso un bando, il terzo di questo tipo, che dà attuazione a quanto previsto dal Programma regionale di sviluppo rurale 2014-20. Obiettivo: favorire l’insediamento di nuovi imprenditori agricoli e lo sviluppo dei loro progetti.

Complessivamente la Regione mette a disposizione 28,8 milioni suddivisi in due filoni: 16,3 milioni di euro per l’aiuto all’avviamento d’impresa e 12,5 milioni per l’ammodernamento delle imprese agricole.

È possibile presentare domanda fino al 29 settembre 2017; il termine di approvazione della graduatoria finale è fissato al 2 febbraio 2018. Continua a leggere →

Condividilo:

Agricoltura ravennate: chiesto lo stato di calamità da maltempo

Situazioni critiche in particolare a Bagnacavallo, Castel Bolognese e Faenza

Prima un lungo periodo di siccità, poi la grandine e infine le gelate tardive. Una tripletta sciagurata quella che si è abbattuta sugli agricoltori romagnoli tra l’inverno e la primavera, con un rovinoso finale nel mese di aprile.

Per aiutare i tanti addetti ai lavori rimasti in ginocchio, la consigliera regionale Manuela Rontini auspica che la Giunta chieda al Governo lo stato di calamità per le zone colpite dalle gelate tardive.

Il gelo ha bruciato i teneri germogli, i boccioli e i fiori delle viti e di molti altri alberi da frutto, specialmente nelle zone di Bagnacavallo (frazioni di Boncellino, Glorie, Traversara e Villanova), Castel Bolognese, Russi e Faenza (nelle aree più basse della campagna di Reda, tra Pieve Corleto, Basiago e San Barnaba): “Gli agricoltori stimano che ben oltre il 50 per cento della produzione di uva, kiwi e cachi sia compromesso – spiega Rontini – il ritorno del maltempo ha influito sull’agricoltura in una fase molto sensibile, ovvero dopo che le anomalie termiche positive della prima parte della primavera avevano già stimolato la ripresa vegetativa di molte piante”.

Altre produzioni frutticole e orticole sarebbero state danneggiate per il 40 per cento. I fenomeni – dopo il caldo anomalo e la siccità di inizio stagione – si sono intensificati nelle giornate tra sabato 15 e martedì 18 aprile: “e nelle nottate successive si sono verificate gelate tardive diffuse che hanno aggravato pesantemente la conta dei danni”. Continua a leggere →

Condividilo: