Prima casa: sostegno regionale a giovani coppie, famiglie numerose e genitori single

Dal 2010 ad oggi, più di 2mila famiglie sono riuscite a comprare casa grazie ad un contributo della Regione Emilia-Romagna, che ha messo a disposizione 51,870 milioni di euro per le giovani coppie. Con il voto odierno l’Assemblea legislativa ha dato il via al nuovo Programma regionale per l’acquisto di una casa, indirizzato alle giovani coppie, alle famiglie numerose e ai genitori single.

“Un provvedimento importante non solo per garantire l’autonomia di chi deve avviare una famiglia e dare un po’ di fiato al settore edilizio, messo a dura prova dalla crisi – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini, presidente della commissione ‘Territorio, Ambiente e Mobilità’ – ma utile anche in un’ottica di rigenerazione urbana, limitando il consumo di suolo secondo i principi della legge urbanistica recentemente approvata. Il nuovo bando, infatti, agevolerà l’acquisto e il recupero di edifici già costruiti e invenduti, permettendo ai beneficiari in difficoltà economiche di partire con l’affitto e passare all’acquisto in un secondo momento; allo stesso tempo consentirà alle imprese e alle cooperative d’abitazione di diminuire lo stock di alloggi invenduti”. Continua a leggere →

Condividilo:

L’abitare al centro delle politiche regionali

La presentazione del primo Osservatorio immobiliare “Ravenna & Provincia”, a cura della Fiaip, è stata l’occasione per una riflessione sul tema del costruire.

"Festa di fine lavori - progetto PIPERS di via Fornarina"L’edilizia non è un settore impermeabile chiuso su se stesso, ma interseca tutti gli ambiti sociali ed economici. È un volano della nostra economia, un fornitore di servizi e beni fondamentali per il soddisfacimento dei bisogni primari delle persone e delle imprese.

Per questo la crisi, ormai strutturale, che il settore sta vivendo chiama ad una forte attenzione delle politiche nazionali e regionali.

Le dimensioni del fenomeno sono oltremodo preoccupanti. In Emilia-Romagna le imprese attive nelle costruzioni nel corso del 2014 sono diminuite di circa 2000 unità rispetto all’anno precedente e si calcola che in sette anni di crisi si sia perso il 18% degli occupati con previsioni, anche nella nostra Regione, di un ulteriore calo nel 2015; si stima che la drammatica difficoltà che sta colpendo la cooperazione edile metta a rischio il posto per oltre 6500 lavoratori. Continua a leggere →

Condividilo: