Nuovo bando per le Pro loco, un volano per la valorizzazione dei piccoli centri e dei prodotti tipici

Continua il sostegno regionale alle attività delle Pro loco, presidio di persone innamorate della propria terra e dei prodotti tipici del territorio. Per l’anno in corso la Regione Emilia-Romagna ha approvato un nuovo bando per ripartire 340mila euro di contributi.

Le 296 Pro loco iscritte nel registro regionale avranno tempo fino al 20 aprile 2019 per presentare domanda, in via telematica, di accesso ai contributi. Ma per farlo dovranno aggregarsi almeno in quattro.

“Fare gioco di squadra è importante – sottolinea la consigliera regionale Manuela Rontini, già promotrice della legge regionale approvata nel marzo 2016 – e i volontari delle Pro loco potranno stringere alleanze con i territori vicini per realizzare momenti di aggregazione invitanti sia per i residenti, che per i turisti. In un primo tempo l’esecutivo regionale aveva ipotizzato per il bando un minimo di sei Pro loco aggregate, numero un po’ eccessivo. Apprezzo il fatto che, a seguito della mia interrogazione sul tema nel maggio scorso, questo limite sia stato rivisto al ribasso”.

I contributi sono previsti per le attività, svolte nel 2019, di valorizzazione e promozione dei prodotti e servizi turistici strategici per il territorio e del patrimonio storico, culturale, folkloristico, sociale e ambientale; per progetti di promozione dei prodotti tipici dell’artigianato e dell’enogastronomia locale; per iniziative di valorizzazione sociale, culturale e turistica; per attività ricreative ed educative rivolte a bambini e giovani e finalizzate alla conoscenza del territorio e delle sue tipicità; per progetti di sviluppo della capacità ospitale della comunità attraverso la costruzione di sistemi innovativi di diffusione delle informazioni territoriali.

Il contributo andrà dal 60 all’80 per cento della spesa del progetto (del valore compreso tra i 10mila e i 50mila euro). I beneficiari potranno chiedere entro il 31 agosto un anticipo fino al 50 per cento sul contributo concesso, mentre il rendiconto finale dovrà essere presentato entro il 20 febbraio 2020.

La domanda dovrà essere inviata alla Regione Emilia-Romagna mediante posta elettronica certificata (Pec) della Pro loco capofila dell’aggregazione, all’indirizzo comtur@postacert.regione.emilia-romagna.it entro il 20 aprile 2019.

> La legge regionale per la promozione ed il sostegno alle Pro loco (2016) 

> L’interrogazione sui livelli di aggregazione delle Pro Loco (2018)

> La delibera con il bando di concessione dei contributi

[Foto Copyright Comune Casola Valsenio]

Condividilo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.