Investimenti milionari per la sicurezza della statale Romea

L’impegno Anas dettagliato in una risposta ad un’interrogazione regionale

L’odissea stradale della statale 309 Romea vede finalmente uno spiraglio di luce. Dopo le numerose sollecitazioni da parte dei sindaci emiliano-romagnoli e dei consiglieri regionali, è arrivata la risposta di Anas in merito alla manutenzione della strada.

“Anas ha previsto un finanziamento di oltre un miliardo per risolvere le criticità stradali dell’itinerario E45-E55, di cui fa parte anche la Romea – spiega la consigliera Manuela Rontini –. Nello specifico per la statale 309, considerata una delle strade più pericolose d’Italia e da anni al centro di dibattiti sulla sicurezza, sono previsti tre interventi alla pavimentazione per oltre 11 milioni di euro nel tratto emiliano-romagnolo. I lavori però sono attualmente sospesi per le basse temperature e riprenderanno in primavera”. 

I consiglieri romagnoli, avevano presentato in gennaio un’interrogazione, consapevoli come la Romea rappresenti un collegamento strategico a livello nazionale e internazionale, al fine di velocizzare l’intervento da parte di Anas.

“Vista l’importanza del tratto viario e la sua pericolosità sono previsti ulteriori interventi nel 2018, per altri 7 milioni, sempre destinati alle pavimentazioni e all’adeguamento e razionalizzazione delle intersezioni stradali, per le quali si stanno completando, in accordo con gli enti locali, le progettazioni esecutive. Per migliorare poi il collegamento tra la statale 16 Adriatica e la Romea verranno effettuati altri interventi, per oltre 31 milioni di euro. Al termine di questi lavori verrà dato maggior respiro all’itinerario, oltre a completare una riqualificazione stradale che garantisca finalmente la sicurezza agli automobilisti che ogni giorno percorrono questa arteria stradale”.

> Il testo dell’interrogazione

> La risposta all’interrogazione

Condividilo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.