Celiachia, la dematerializzazione dei buoni non basta. Serve il borsellino elettronico

La celiachia non è più considerata una malattia rara: l’intolleranza al glutine colpisce 16mila pazienti nella sola Emilia-Romagna, mentre i casi non diagnosticati sono stimati in numero almeno doppio. Allo stesso modo, i servizi digitali sono divenuti la quotidianità per migliaia di persone che grazie a Internet hanno scoperto tante opportunità, alla portata di tutti i cittadini.

Da queste considerazioni prende atto l’interrogazione presentata alla Giunta regionale dalla consigliera Manuela Rontini: “In Emilia-Romagna abbiamo avviato la digitalizzazione dei buoni per l’acquisto di prodotti senza glutine, ma ancora non basta. La spedizione per posta a casa dei pazienti comportava costi superiori a 200mila euro, a carico del Servizio sanitario regionale. Molte persone affette da celiachia, oggi, trovano i buoni caricati direttamente nel proprio Fascicolo sanitario elettronico, un deciso passo in avanti rispetto a quando bisognava ricorrere agli sportelli delle Ausl per ritirarli. Sono costretti però a stamparli e, inoltre, il valore dei buoni non è frazionabile. Bisogna fare un salto di qualità, sulla scorta di quanto già intrapreso in Umbria, Lombardia e Puglia, permettendo ai celiaci di usare direttamente la Tessera sanitaria con microchip, senza vincoli di spesa”.

Una dematerializzazione spinta, dunque, che in futuro potrebbe permettere ai celiaci di usare i buoni ricevuti in tutto il territorio nazionale, semplicemente presentando il normale tesserino sanitario a mo’ di borsellino elettronico.

Richiamando una risoluzione approvata in Aula a marzo 2016, che impegnava la Giunta a proseguire l’opera di dematerializzazione, la Rontini interroga l’esecutivo regionale per sapere “quali provvedimenti intenda adottare per rispettare l’impegno assegnato dall’Assemblea legislativa e fornire al più presto un servizio più efficace e semplice a tanti cittadini affetti da celiachia e più economico per l’Ente, ottenendo così anche una rendicontazione trasparente in tempo reale dell’utilizzo dei buoni e una riduzione dei costi, burocratici e materiali”.

> Il testo dell’interrogazione

Condividilo:

One Reply to “Celiachia, la dematerializzazione dei buoni non basta. Serve il borsellino elettronico”

  1. Pingback: Semaforo verde al borsellino elettronico per i celiaci dell’Emilia-Romagna – Manuela Rontini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.