Housing sociale, cinque milioni di euro per abitazioni a prezzo ragionevole

Dopo nove anni, in Emilia-Romagna tornano risorse regionali dedicate all’housing sociale. Si tratta di cinque milioni di euro per alloggi destinati a quelle persone che non rientrano nei criteri per ottenere una casa popolare e che, allo stesso tempo, non sono in grado di affrontare i prezzi del libero mercato.

I contributi saranno assegnati tramite bando: 30mila euro ad alloggio, elevabili a 40mila nel caso di alloggi realizzati in interventi di recupero o sostituzione edilizia, con ulteriori 5mila euro nel caso di programmi innovativi, come servizi comuni di co-housing.

Continua a leggere →
Condividilo:

Verso il Prit 2025: prosegue il confronto sul Piano dei trasporti

La mobilità del futuro in Emilia-Romagna passa dal confronto con chi, ogni giorno, si sposta per motivi di lavoro, studio o svago. La Regione deve tenere conto delle esigenze di tutti, dagli automobilisti ai pendolari dei treni, da chi va a scuola in autobus fino a chi si muove sulle due ruote per diletto. La visione degli Amministratori sulla mobilità, arricchita dai contributi di tutti gli attori in campo, farà nascere il Piano regionale integrato dei trasporti, il Prit 2025.

Ad oggi c’è una proposta della Giunta, presentata sul territorio negli ultimi due anni e oggetto di una recente udienza conoscitiva nella III commissione dell’Assemblea legislativa: “Questo Piano vuole rendere più agevoli, ma soprattutto sostenibili, gli spostamenti dei cittadini emiliani e romagnoli – spiega la consigliera regionale Manuela Rontini, presidente della commissione Territorio, Ambiente e Mobilità – per questo, così come è accaduto con altri provvedimenti importanti come la legge urbanistica, tutti dovranno avere la possibilità di intervenire nel merito con osservazioni, sollecitazioni e proposte. Il Prit è il principale strumento di pianificazione dei trasporti della Regione Emilia-Romagna, un piano di programmazione, non di investimenti diretti, che saranno oggetto di provvedimenti successivi. Un Piano che disegna le direttrici principali degli spostamenti regionali, e le connessioni tra i diversi mezzi di trasporto, che nei prossimi mesi sarà adottato dall’Assemblea legislativa. Dopo di che, si aprirà un ulteriore periodo di osservazioni pubbliche prima del suo ritorno in Aula per l’approvazione definitiva”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Trasporto pubblico in montagna, una risoluzione per abbatterne i costi

Istituire un fondo per il Trasporto pubblico locale in montagna per aiutare i Comuni a coprire il costo, altrimenti troppo alto, del servizio e ridurre le tariffe per gli studenti delle scuole superiori, giocoforza costretti a lunghi tragitti.

È il senso della risoluzione approvata nei giorni scorsi in commissione ‘Territorio Ambiente Mobilità’ dell’Assemblea legislativa: “Sarebbe un provvedimento importante per non penalizzare ulteriormente i residenti dei comuni montani – commenta la presidente della commissione Manuela Rontini, firmataria della proposta – a partire dagli studenti delle superiori che devono recarsi nei centri maggiori, a valle, come succede ai ragazzi che abitano a Casola Valsenio, Riolo Terme o Brisighella e vanno a scuola a Faenza”. Continua a leggere →

Condividilo:

Sprint finale per la legge sulla mobilità ciclistica

È ormai in vista il traguardo di approvazione della prima legge regionale sulla Mobilità ciclistica, una pietra miliare per una Regione che vuole muoversi in modo veloce, efficiente e sostenibile.

Il provvedimento è stato discusso giovedì 12 gennaio nella commissione Territorio, Ambiente e Mobilità dell’Assemblea legislativa, presieduta da Manuela Rontini, alla presenza dell’assessore alla mobilità Raffaele Donini, che ha spiegato come la proposta di legge sia frutto di un lungo percorso condiviso con organizzazioni ambientaliste, federazioni ciclistiche, enti locali.

“Per favorire una mobilità sostenibile questa legge finanzierà non solo piste ciclabili, ma velostazioni, lunghe ciclovie e delle politiche di contrasto ai furti – ha commentato la consigliera Manuela Rontini –. L’obiettivo, ambizioso, è quello di raggiungere entro dieci anni il 20 per cento di spostamenti quotidiani in bici, contro il 10 per cento odierno, rendendo le due ruote a pedale una valida alternativa all’automobile. Un traguardo raggiungibile, se si pensa che, oggi, il 70 per cento degli spostamenti di emiliani e romagnoli è inferiore ai 10 chilometri”. Continua a leggere →

Condividilo:

Verso la mobilità del 2025

Rendere più agevoli, ma soprattutto sostenibili, gli spostamenti dei cittadini emiliani e romagnoli. E’ quanto si propone il Prit 2025, il Piano regionale integrato dei trasporti, che ha iniziato martedì scorso il suo percorso in Assemblea legislativa, con la presentazione in aula del documento preliminare da parte dell’assessore regionale Raffaele Donini.

“Del tema continueremo ad occuparci nella III Commissione assembleare, che presiedo – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – anche in relazione alla nuova legge urbanistica regionale. Per il momento l’Aula si è espressa sul documento con l’approvazione di un ordine del giorno, di cui sono firmataria, dove tra le altre cose si chiede alla Giunta regionale di potenziare il trasporto sostenibile, programmare azioni per migliorare la sicurezza stradale, prevedere l’integrazione tra i diversi livelli di pianificazione, completare il quadro infrastrutturale esistente e sostenere il trasporto pubblico locale”. Continua a leggere →

Condividilo:

Un impegno per la Terra: la Regione rilancia i frutti di Expo

Carta di Milano. “Difesa del suolo e dell’ambiente, sostegno all’agricoltura e ai prodotti locali per un accesso al cibo più equo e consapevole”.

Ho firmato la Carta di MilanoLa III Commissione dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ha approvato, nella seduta di oggi, una risoluzione che impegna la Regione a fare propri gli impegni della Carta di Milano. Presentata durante l’Expo 2015 e sottoscritta da centinaia di cittadini, associazioni, imprese ed istituzioni ed è dedicata all’accesso al cibo inteso come diritto umano fondamentale.

“Dopo il grande slancio che Expo ha dato alla cultura del cibo e della sostenibilità, pensiamo sia fondamentale promuovere azioni che coniughino sostenibilità, cibo ed equo utilizzo delle risorse – spiegano le consigliere regionali Pd Lia Montalti, prima firmataria della risoluzione, e Manuela Rontini, Presidente della Commissione Territorio Ambiente, che aggiungono – Questo vale anche per il nostro territorio, dove è fondamentale adottare norme che consentano di evitare gli sprechi alimentari anche con misure di recupero del cibo in eccesso e rafforzare le leggi per la tutela del suolo agricolo e la sostenibilità ambientale”. Continua a leggere →

Condividilo:

I pendolari della Faenza-Lugo-Lavezzola meritano un servizio degno di questo nome

Alba in pianura

Ci sono linee di trasporto ‘minori’ solo sulla carta, non certo per i cittadini costretti a servirsene ogni giorno. È il caso della Faenza-Lugo-Lavezzola, una piccola ferrovia statale che vede circolare, nei suoi 40 chilometri, appena 4 treni nei giorni feriali lungo l’intero percorso. Il resto del servizio è affidato a 13 corse di autobus sostitutivi, con gli inevitabili disagi che questo mezzo comporta: nessuna corsia preferenziale, traffico, code ai semafori, tempi di percorrenza oltremodo dilatati.

E dire che la linea costituisce un importante raccordo tra Faenza (sull’Adriatica e Faentina), Lugo (snodo ferroviario tra Ravenna, Castel Bolognese e Faenza) e Lavezzola (sulla Rimini-Ferrara), servendo comuni di 10mila abitanti come Massa Lombarda e Conselice. Le possibilità di uno sviluppo del servizio ci sarebbero tutte, eppure la linea viene lasciata vivacchiare. Continua a leggere →

Condividilo:

Nuovi treni per i pendolari, aspettando il rinnovo totale della flotta

conferenzastampa-treniIn un futuro prossimo, tra meno di tre anni, i treni regionali dell’Emilia-Romagna saranno rinnovati radicalmente nei materiali, grazie alla ‘Gara del ferro’ bandita dalla Regione e aggiudacata dal consorzio Tper-Trenitalia, a luglio scorso. E, per i pendolari, i convogli anni ’80 che circolano oggi saranno solo un pallido ricordo.

In attesa che si concretizzi quel maxi investimento, da 750 milioni di euro, la Regione non è stata però con le mani in mano. Già nei prossimi mesi entreranno in servizio alcuni nuovi treni, mentre entro il prossimo anno saranno 22 i nuovi mezzi in circolazione sui binari regionali (per una spesa di 150 milioni di euro).

Un assaggio di questo antipasto è stato concesso oggi al pubblico, in stazione centrale a Bologna, con la presentazione di 2 diversi treni di ultima generazione, alla presenza del presidente Stefano Bonaccini e del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio.

Si tratta di un Etr 350 (modello Flirt prodotto da Stadler, velocità massima 160 chilometri orari), destinato a Tper, e della nuova versione dei Vivalto di Trenitalia (stessa velocità massima dei Flirt ma con il doppio dei posti a sedere, 594 contro 265). Tutti i treni sono climatizzati e attrezzati per il trasporto di bicilette e disabili.  Continua a leggere →

Condividilo:

Treni: “Biglietti a fasce addio? Aumentiamo le self service”

Nell’interrogazione si chiede anche se, in vista dei cambiamenti che riguarderanno migliaia di viaggiatori, verrà predisposta una campagna informativa di concerto con Trenitalia.

Verso la libertàGli organi di stampa, nei giorni scorsi, hanno riportato una nota diffusa da Trenitalia in cui si annuncia la dismissione dei biglietti a fascia chilometrica, che potranno essere acquistati fino al 31 marzo e utilizzati fino al 30 giugno 2016, salvo esaurimento scorte, e l’introduzione di biglietti con “l’indicazione delle stazioni di partenza e di arrivo, utilizzabili entro un tempo determinato dal loro acquisto”, già oggi disponibili sui canali digitali: trenitalia.com e App Trenitalia.

Ne dà notizia la consigliera Manuela Rontini in un’interrogazione rivolta alla Giunta regionale, in cui segnala che l’acquisto dei nuovi titoli di viaggio può avvenire da quattro mesi fino a 20 minuti prima della partenza e che il biglietto non deve essere stampato. “In alternativa, – aggiunge – le edicole e i quattromila tabacchi delle stazioni italiane aderenti alla Fit sono già dotati di un terminale che stampa un biglietto indicante stazioni di partenza e di arrivo, con validità di due mesi; rimarranno poi operative le biglietterie tradizionali delle stazioni che ne sono provviste, così come le emettitrici self service”. Continua a leggere →

Condividilo:

Interramento dei binari a Ferrara: ridurre i disagi per i residenti

passaggio a livello

Doveva trattarsi di una deviazione temporanea, due o tre anni al massimo di sofferenza per poi dire addio al rumore dei treni di passaggio e all’inquinamento delle auto ferme ai passaggi a livello. Invece l’interramento del tratto urbano della ferrovia a Ferrara si sta trascinando da più di quattro anni e, a causa dei fallimenti o delle rinunce delle diverse ditte incaricate, non vede ancora la luce in fondo al tunnel.

Nel frattempo le soluzioni temporanee, pensate per una durata dei lavori medio-breve, stanno cominciando a mostrare i loro limiti. Per permettere la costruzione di un tratto sotterraneo di ferrovia, comune alle linee Ferrara-Ravenna (Rfi-Fs) e Ferrara-Codigoro (Fer), tutti i treni di queste linee, dal 2011, percorrono l’ultimo segmento della vecchia linea Ferrara-Codigoro. Una soluzione possibile grazie alla realizzazione di una bretella che devia i treni da e per Ravenna sulla linea di Fer all’altezza di Bivio Rivana verso Foro Boario. In questo modo, però, il binario già presente è passato da un sonnacchioso traffico, pari ad una ventina di convogli al giorno, ad un numero di transiti quadruplicato. Continua a leggere →

Condividilo: