Centri estivi: dalla Regione arrivano più contributi e per più tempo

Tornano i centri estivi per bambini e ragazzi e, con loro, tornano in forma potenziata i contributi della Regione Emilia-Romagna per aiutare le famiglie a pagare le rette.

A disposizione, per il 2019, ci sono 6 milioni di euro, di cui 509mila per la provincia di Ravenna. Soddisfatta la consigliera regionale Manuela Rontini, che commenta: “Si tratta di un aiuto concreto per i tanti genitori che hanno necessità di organizzare al meglio e con serenità i tempi di impegno lavorativo e la gestione dei propri figli. Una misura del nostro welfare regionale che va incontro ai nuovi bisogni delle famiglie e ai cambiamenti del mondo del lavoro”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Nuovi mezzi e nuove risorse per i Vigili del fuoco: l’Emilia-Romagna farà la sua parte, ma lo Stato non può restare al palo

Molti comandi del Corpo vigili del fuoco della nostra regione sono in difficoltà, carenti di uomini e mezzi. A denunciarlo sono i sindacati, i quali trovano al loro fianco la Regione Emilia-Romagna. Alcuni consiglieri regionali, infatti, hanno presentato una risoluzione (primo firmatario Mirco Bagnari) per continuare a sostenere con convinzione, sia dal punto di vista economico che logistico, il Corpo dei vigili del fuoco.

“Il sostegno dell’Emilia-Romagna ai Vigili del fuoco dura ormai da vent’anni – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini, firmataria del documento – per mezzo di convenzioni fra l’Agenzia regionale di Protezione civile e la Direzione regionale dei Vigili del Fuoco. In questo lasso di tempo, assommano ad oltre 7,3 milioni di euro le risorse regionali destinate all’implementazione di dotazioni alle strutture operative presenti sul territorio. È urgente però che anche lo Stato faccia la propria parte, per questo la Regione deve ribadire al Ministero l’urgenza della messa a disposizione di risorse umane, economiche e logistiche adeguate a coprire le esigenze di un Corpo che garantisce servizi fondamentali e irrinunciabili”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Rifiuti speciali: riciclare di più si può e si deve

Ci sono materiali che oggi finiscono in inceneritore come “rifiuti speciali” che, invece, potrebbero essere selezionati e reimmessi nel ciclo produttivo, secondo la filosofia dell’economia circolare.

Per questo la consigliera regionale Manuela Rontini ha presentato un’interrogazione dove chiede alla Regione di rilanciare il lavoro del Coordinamento rifiuti speciali (dove Arpae si confronta con le categorie economiche nel “Comitato permanente sottoprodotti”) istituito dalla Regione a seguito di una legge del 2015 che riprende una direttiva europea del 2008.

Continua a leggere →
Condividilo:

Bonifica dell’amianto dai luoghi di lavoro, in arrivo nuovi contributi regionali

Domande semplificate per accedere ai contributi mirati a rimuovere l’amianto dai luoghi di lavoro. Si tratta di finanziamenti per 3,3 milioni di euro in arrivo dalla Regione, per metà a fondo perduto e per l’altra metà al tasso agevolato dell’0,50 per cento da restituire in cinque anni.

“Con questi nuovi stanziamenti, una delle diverse azioni previste dal Piano amianto che abbiamo approvato in Assemblea legislativa nel 2017 – commenta la consigliera regionale Manuela Rontini – la Regione supera i 12 milioni di euro messi a disposizione delle imprese dall’inizio della legislatura. Un sostegno che ha già permesso interventi in 453 imprese e che, con questa nuova tornata, permetterà di rendere più sicuri altri immobili destinati alle attività produttive, agricole, terziarie o commerciali”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Il percorso verso l’Autonomia regionale è a un punto chiave

L’autonomia regionale differenziata è a un punto chiave. Dopo un lungo percorso di confronto, in Regione e con il Governo, a metà mese dovrebbe arrivare la tanto attesa proposta governativa. Poi, dopo un ulteriore passaggio in Regione, il tutto si tradurrà in un disegno di legge che dovrà essere approvato a maggioranza assoluta delle due Camere.

Non si tratta di trasformare l’Emilia-Romagna in una regione “autonoma”, al pari delle cinque tradizionali, o peggio di una secessione mascherata. Il percorso di autonomia differenziata si limita a chiedere l’attuazione dell’articolo 116 della Costituzione (riformato nel 2001 dall’allora centrosinistra) che prevede la possibilità di trasferire alle Regioni la competenza diretta su 23 materie oggi gestite “in condominio” tra Stato e Regioni.

Continua a leggere →
Condividilo:

Housing sociale, cinque milioni di euro per abitazioni a prezzo ragionevole

Dopo nove anni, in Emilia-Romagna tornano risorse regionali dedicate all’housing sociale. Si tratta di cinque milioni di euro per alloggi destinati a quelle persone che non rientrano nei criteri per ottenere una casa popolare e che, allo stesso tempo, non sono in grado di affrontare i prezzi del libero mercato.

I contributi saranno assegnati tramite bando: 30mila euro ad alloggio, elevabili a 40mila nel caso di alloggi realizzati in interventi di recupero o sostituzione edilizia, con ulteriori 5mila euro nel caso di programmi innovativi, come servizi comuni di co-housing.

Continua a leggere →
Condividilo:

Emergenza cinghiali, più strumenti ai cacciatori nei piani di controllo

 “È urgente aumentare l’efficacia dei piani di controllo, per limitare i danni provocati dai cinghiali alla nostra agricoltura”: lo sostiene la consigliera regionale Manuela Rontini, prima firmataria di un’interrogazione sul tema.

Nell’atto ispettivo, sottoscritto anche dal collega Gian Luigi Molinari, si chiede alla Giunta di inserire la braccata tra i metodi di caccia previsti nei piani di controllo e di modificare il regolamento ungulati, dando la possibilità di utilizzare un maggior numero di cani durante la caccia in girata.

“Sarebbe inoltre necessario – chiede l’interrogazione – adottare il principio della soglia del danno tollerabile, cioè fissare un limite preciso oltre il quale non sia possibile andare”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Ecobonus per una nuova auto pulita: fino a 3mila euro dalla Regione

Per l’acquisto di auto nuove a basso impatto ambientale, elettriche a metano o Gpl, la regione Emilia-Romagna rimborserà fino a 3mila euro, ai quali va aggiunto uno sconto minimo del 15 per cento sul prezzo di listino da parte dei concessionari.

L’ecobonus regionale, pensato per contrastare smog e polveri sottili dovuti al traffico su gomma, è riservato ai cittadini residenti in Emilia-Romagna che, dovendo cambiare auto, rottameranno un mezzo inquinante acquistandone uno amico dell’Ambiente.

Le domande si potranno presentare online, dal 15 febbraio al 24 maggio, in presenza di un Isee fino a 35mila euro, di un’auto da rottamare fino all’Euro 1 (benzina) o fino all’Euro 4 (diesel).

Continua a leggere →
Condividilo:

Verso il Prit 2025: prosegue il confronto sul Piano dei trasporti

La mobilità del futuro in Emilia-Romagna passa dal confronto con chi, ogni giorno, si sposta per motivi di lavoro, studio o svago. La Regione deve tenere conto delle esigenze di tutti, dagli automobilisti ai pendolari dei treni, da chi va a scuola in autobus fino a chi si muove sulle due ruote per diletto. La visione degli Amministratori sulla mobilità, arricchita dai contributi di tutti gli attori in campo, farà nascere il Piano regionale integrato dei trasporti, il Prit 2025.

Ad oggi c’è una proposta della Giunta, presentata sul territorio negli ultimi due anni e oggetto di una recente udienza conoscitiva nella III commissione dell’Assemblea legislativa: “Questo Piano vuole rendere più agevoli, ma soprattutto sostenibili, gli spostamenti dei cittadini emiliani e romagnoli – spiega la consigliera regionale Manuela Rontini, presidente della commissione Territorio, Ambiente e Mobilità – per questo, così come è accaduto con altri provvedimenti importanti come la legge urbanistica, tutti dovranno avere la possibilità di intervenire nel merito con osservazioni, sollecitazioni e proposte. Il Prit è il principale strumento di pianificazione dei trasporti della Regione Emilia-Romagna, un piano di programmazione, non di investimenti diretti, che saranno oggetto di provvedimenti successivi. Un Piano che disegna le direttrici principali degli spostamenti regionali, e le connessioni tra i diversi mezzi di trasporto, che nei prossimi mesi sarà adottato dall’Assemblea legislativa. Dopo di che, si aprirà un ulteriore periodo di osservazioni pubbliche prima del suo ritorno in Aula per l’approvazione definitiva”.

Continua a leggere →
Condividilo:

Nuovo bando per le Pro loco, un volano per la valorizzazione dei piccoli centri e dei prodotti tipici

Continua il sostegno regionale alle attività delle Pro loco, presidio di persone innamorate della propria terra e dei prodotti tipici del territorio. Per l’anno in corso la Regione Emilia-Romagna ha approvato un nuovo bando per ripartire 340mila euro di contributi.

Le 296 Pro loco iscritte nel registro regionale avranno tempo fino al 20 aprile 2019 per presentare domanda, in via telematica, di accesso ai contributi. Ma per farlo dovranno aggregarsi almeno in quattro.

Continua a leggere →
Condividilo: